La Sicula Leonzio giocherà al Massimino grazie ad un accordo con il Comune

L’impianto è stato concesso dal sindaco di Catania Enzo Bianco al termine di una riunione con il segretario generale della LegaPro Francesco Ghirelli

La Sicula Leonzio, che milita nel girone C della serie C, giocherà nello stadio “Angelo Massimino” di Catania le prossime gare interne, per un periodo di due o tre mesi, in attesa che venga completato l’impianto di illuminazione dello stadio “Angelo Nobile”.

L’impianto è stato concesso dal sindaco di Catania Enzo Bianco al termine di una riunione con il segretario generale della LegaPro Francesco Ghirelli che ha consegnato una lettera del presidente della LegaPro Gabriele Gravina per chiedere la possibilità di usare lo il Massimino per le proprie gare interne.

“Ho accolto subito l’invito del presidente Gravina- ha detto il sindaco Bianco- anche in considerazione del fatto che con un grande gesto di lealtà sportiva e di solidarietà tra squadre siciliane era stato lo stesso amministratore delegato del Catania Calcio Pietro Lo Monaco a chiedermi di concedere lo stadio alla Sicula Leonzio. Una causa perorata anche dal sindaco di Lentini e dalle forze politiche lentinesi. Così, in pieno accordo con la società rossazzurra, abbiamo deciso di aprire le porte del Massimino ad una società giovane che si affaccia nel palcoscenico del grande calcio”. 

La Sicula Leonzio concorrerà alle spese di manutenzione del manto erboso del “Massimino” . In un primo tempo, la Sicula Leonzio aveva indicato lo stadio di Messina come campo alternativo, in attesa della sistemazione del “Nobile”. Gli atti vandalici seguiti all’esclusione del Messina Calcio dal campionato avevano però reso impraticabile questa soluzione sino al gesto di solidarietà dell’Amministrazione Comunale catanese e del Catania Calcio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento