Uil Pensionati chiede la rimozione di una pubblicità sulla metro

Per il sindacato, lo slogan è offensivo nei confronti dei pensionati, che danno invece un importante contributo alle famiglie

Tra i dieci vicini di casa "sgraditi" per un'agenzia immobiliare, che ha affisso i propri manifesti nella metropolitana di Catania, ci sono anche i "nonnetti che tengono la tv ad alto volume per guardare i reality". Uno slogan che non è andato a genio a molti, tra cui i segretari di Uil e UilPensionati Catania, Enza Meli e Maria Pia Castiglione. “La Fce intervenga a tutela della propria immagine - dichiarano, chiedendo la rimozione dei manifesti - e dei propri utenti, nella speranza che per il futuro possa fare maggiore attenzione sui contenuti di certa pubblicità sui mezzi e nelle stazioni della Metropolitana cittadina. E l’agenzia immobiliare chieda scusa per questa trovata decisamente di dubbio gusto”.

Le esponenti sindacali concludono “sollecitando le istituzioni pubbliche, su tutte l’amministrazione comunale, a fare sentire la propria voce anche solo per ricordare come a Catania, più che altrove, 'i nonnetti' rappresentino in tempi di crisi un imprescindibile baluardo al disagio sociale e alla disperazione, essendo spesso l’unica fonte di sostentamento per figli e nipoti in difficoltà. Noi siamo grati agli anziani e fieri di averli vicini di casa. Anche quando alzano il volume della tv per guardare i reality”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento