Tossico aggredisce la madre per comprare droga: "Ti spacco la testa"

Una donna di 69 anni era vittima di continue violenze da parte del figlio tossicododipendente, ora agli arresti domiciliari grazie ai carabinieri

Un pregiudicato catanese di 43 anni, L.S., è indagato per i reati di maltrattamenti in famiglia, lesioni personali ed estorsione aggravate, commessi contro la madre 69enne. Le indagini, coordinate dal pool di magistrati specializzati nei reati che riguardano la violenza di genere, hanno consentito di evidenziare come la donna abbia patito dal 2014 ad oggi una serie di vessazioni che l’hanno relegata ad una condizione di sottomissione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il figlio, entrato nel tunnel della tossicodipendenza, con minacce, urla, pressioni psicologiche, intimidazioni e violenze anche fisiche rivolte alla madre: "ti spacco la testa, sei una stupida, fai schifo, ora ti ammazzo". L'ha anche minacciata con dei cocci di vetro e la costringeva a farsi dare il denaro necessario all'acquisto di stupefacenti, prosciugandole la pensione.  Il giudice lo ha collocato ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In Sicilia 15 nuovi casi di Coronavirus, nessun focolaio: quattro casi a Catania

  • Reati fiscali, coinvolti nomi della cordata interessata al Calcio Catania: gli arrestati

  • Sidra, giovedì 16 luglio sospesa erogazione idrica in un'ampia area di Catania

  • Coronavirus, famiglia positiva a Librino: l’Asp sta ricostruendo i movimenti dei 4 componenti

  • Coronavirus, l'aggiornamento dei contagi a Catania e in Sicilia al 10 luglio 2020

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, auto contro tir: morta una donna, grave il figlio

Torna su
CataniaToday è in caricamento