Sospesi per 18 mesi i lavori del supermercato a Cibali: dal Comune un'ordinanza contraddittoria

Un atto con alcuni punti poco chiari che intima la sospensione dei lavori alla ditta. E' firmato dal dirigente Bisignani e rettifica la precedente disposizione

Il cantiere del supermercato Eurospin a Cibali, in via Sabato Martelli Castaldi, starà fermo per altri 18 mesi. Lo ha intimato il Comune di Catania con un atto della direzione Urbanistica prolungando il termine precedente che era di 60 giorni.

La travagliata vicenda era finita nei banchi del consiglio comunale per l'anomalo iter di autorizzazione dei lavori che non era passato dal senato della città, con una variante. Così su sollecitazione del Movimento Cinque Stelle era nata una battaglia per fermare le ruspe e vederci più chiaro. Il civico consesso ha messo "spalle al muro" l'amministrazione chiedendo lo stop al cantiere e opportune verifiche e anche la magistratura ha acquisito atti e documenti.

Con un'ordinanza dello scorso 12 febbraio il termine della sospensione del cantiere è stato prolungato. Si tratta di un documento abbastanza particolare denominato come "rettifica" dell'ordinanza dello scorso 13 dicembre ma che in realtà appare più che altro come una proroga della ordinanza precedente.

Inoltre si apre uno "scontro" tra dirigenti con l'ingegner Bisignani che nell'atto a sua firma scrive che l'allora direttore ad interim, l'architetto Maria Luisa Areddia, avrebbe dovuto "avviare il procedimento di annullamento in autotutela del provvedimento di permesso di costruire e non ordinare la sola sospensione dei lavori".

Però il dirigente Bisignani, nei fatti, ha fatto la stessa cosa della collega solo in un arco di tempo più lungo. Poi però lo stesso ingegnere, che aveva supervisionato il provvedimento del permesso a costruire, parla della legittimità e coerenza degli atti che hanno permesso all'Eurospin di inizare a costruire.

Si parla di "prassi urbanistica fino ad oggi perpretata presso il Comune". Ma quindi la prassi era non passare dal consiglio comunale per vicende del genere? E basteranno i 18 mesi per verificare i "procedimenti amministrativi in ambito urbanistico” e per “poter definitivamente chiarire dubbi e perplessità"?

La città se lo augura visto che quei terreni inizialmente erano destinati a una scuola e poi sono rimasti in bilico e lambiscono quelli dove dovrebbe sorgere il Centro Direzionale di Cibali. Francamente in una città piena di supermercati e centri commerciali non si sentiva il bisogno, specie in una quartiere che conserva un tessuto di bottege e piccole e medie attività, dell'ennesimo discount.

“Rimane il fatto - commenta a margine il gruppo consiliare del M5s - che questa battaglia sarà lunga e piena di colpi di scena, non ultimo il provvedimento di rettifica. Un importante risultato, arrivato in ritardo dopo mesi di inerzia dell'amministrazione e soltanto dopo le nostre battaglie in consiglio comunale e dopo il nostro esposto in Procura. Non vogliamo commentare tutte le parti più ‘interessanti’ di questo provvedimento, ma una cosa sembra evidente: più che la rettifica di un provvedimento sembra una memoria difensiva."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento