Spaccio e detenzione di arma: due arresti dei "Falchi"

Gli agenti della Mobile hanno eseguito gli arresti dopo un'attenta attività info investigativa

Gli agenti della squadra mobile hanno arrestato M.P., del 2002 per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A seguito di appostamento nel quartiere di San Giovanni Galermo, una pattuglia ha notato il giovane mentre, aiutato da un altro soggetto e con in mano una radiolina ricetrasmittente, effettuava alcune consegne di involucri in cambio di denaro a delle persone che si accostavano a bordo delle proprie autovetture. Trattandosi di tipiche modalità dell’attività di spaccio gli agenti hanno deciso di intervenire e hanno bloccato il ragazzo che indossava un borsello a tracolla. La successiva perquisizione personale ha permesso di rinvenire 55 dosi già confezionate e di varie pesature, di cocaina; 52 “stecchette” di marijuana; materiale da confezionamento; contabilità dell’attività illecita ed oltre mille euro suddivisi in banconote di vario taglio.

I "Falchi" della Mobile hanno eseguito un altro arresto: M.S. del 2001 per detenzione illegale di arma da sparo clandestina e relativo munizionamento. Gli investigatori infatti sono venuti a conoscenza del fatto che un ragazzo incensurato potesse detenere un’arma all’interno della propria abitazione. Gli agenti dunque hanno fatto irruzione all’interno dell’appartamento in uso allo stesso e hanno recuperato, nascosti in un cassetto di un armadio, una pistola a salve modificata artigianalmente in arma da fuoco (calibro 9 mm) e sei proiettili. Indagini sono in corso per verificare se la pistola è stata utilizzata per commettere altri reati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento