rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Spari contro la casa della maestra accusata di maltrattamenti, il legale: "E' distrutta"

Il penalista collega, indirettamente, i tre colpi di pistola sparati contro la porta di casa della maestra alla sua sospensione da scuola perché, sottolinea, "la signora non ha altri problemi di alcun tipo"

"Non parla e non rilascia dichiarazioni" la maestra vittima di un attentato la notte scorsa ad Aci Catena, perché "è distrutta e ha paura per la sua vita, durante la denuncia ha pianto tutto il tempo" e per precauzione per qualche giorno è andata via da casa sua, dove vive sola. Lo afferma il legale della donna, l'avvocato Orazio Consolo.

Il penalista collega, indirettamente, i tre colpi di pistola sparati contro la porta di casa della maestra alla sua sospensione da scuola perché, sottolinea, "la signora non ha altri problemi di alcun tipo".

"Certo - osserva l'avvocato Consolo - tutto il 'can can' mediatico non l'ha aiutata: telecamere e servizi davanti la scuola con dirette televisive aumentano le tensioni e poi rischiano di alimentare rancori che qualcuno non riesce a contenere. Adesso speriamo che la giustizia faccia in fretta il proprio corso, identificando gli autori di questo ingiustificabile gesto".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari contro la casa della maestra accusata di maltrattamenti, il legale: "E' distrutta"

CataniaToday è in caricamento