Viene licenziato e si suicida lanciandosi dalla terrazza di casa

Un uomo di 35 anni, che era stato licenziato da un negozio di Malta dove fino a febbraio aveva lavorato come commesso, si è suicidato lanciandosi dalla terrazza della sua abitazione di Gravina

Uno uomo di 35 anni, licenziato da un negozio di Malta dove fino al febbraio scorso aveva lavorato come commesso, si è suicidato ieri pomeriggio buttandosi dalla terrazza della sua abitazione al quinto piano di uno stabile di via Paolo Orsi, a Gravina di Catania, alle porte di Catania.

L' uomo si è ucciso alle 16.30. Non avrebbe lasciato alcun biglietto per spiegare il motivo del suo gesto. I carabinieri della compagnia di Gravina di Catania hanno appurato che l'uomo, che viveva con la madre vedova, aveva ricevuto un preavviso di licenziamento.

I carabinieri hanno appreso dai familiari, tra i quali la sorella, che l'uomo e la madre avevano chiesto a una vicina di casa le chiavi della terrazza dicendo che dovevano accedervi per riparare l'antenna della tv. Dopo qualche minuto l'uomo avrebbe convinto la madre a rientrare in casa, rassicurandola che avrebbe pensato a tutto lui. Non appena rimasto solo però si è buttato nel vuoto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento