Cronaca

Teatro Bellini, i sindacati chiedono l'intervento del Governo

Le organizzazioni sindacali hanno diffuso un comunicato unitario

"Per salvare e rilanciare due istituzioni culturali importanti per Catania e non solo, come i Teatri Bellini e Stabile, riteniamo oggi più che mai indispensabile un intervento concreto del Governo nazionale e del Parlamento a cominciare dalla rimodulazione del bando per l'accesso al Fondo unico per lo spettacolo”. Lo affermano dopo il confronto di stamattina con il presidente della commissione Cultura della Camera, Luigi Gallo, i segretari generali di Cgil, Cisl, Uil e Ugl Catania Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci insieme con i rappresentanti delle organizzazioni di categoria Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom e Ugl spettacolo Loretta Nicolosi, Antonio D'Amico, Salvo Orlando, Mauro Cossu, Cosimo Fichera e Massimo Ruta.

"Non vogliamo - aggiungono - si arrivi a spegnere la luce sui due teatri anche per colpa della riduzione dei fondi nazionali che potrebbe arrivare con l'attuale sistema di attribuzione del Fus, penalizzante per chi è già abbondantemente penalizzato come Bellini e lo Stabile. I due Teatri sono in crisi per colpe non proprie, in una terra dove sono già forti gli elementi di svantaggio, e potrebbero vedersi ridotti i trasferimenti a vantaggio di altre realtà italiane che, pur avendo meno prestigio, godono di una condizione economica e territoriale più favorevole. Occorre che anche da Roma arrivi una soluzione per la stabilizzazione dei precari storici - concludono - e si trovi un percorso concreto per garantire finalmente in terra di Bellini un festival belliniano di pari livello con i più grandi eventi nazionali dedicati a Verdi, Puccini, Rossini e Donizetti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Teatro Bellini, i sindacati chiedono l'intervento del Governo

CataniaToday è in caricamento