Tentato omicidio, 5 arresti: volevano fare prostituire donna incinta

La polizia di Catania ha arrestato cinque kosovari con l'accusa di aver tentato di uccidere due fratelli, loro connazionali, perché non volevano far prostituire la convivente incinta di uno dei due

La polizia di Catania ha arrestato cinque kosovari con l'accusa di aver tentato di uccidere due fratelli, loro connazionali, perché non volevano far prostituire la convivente incinta di uno dei due. Il tentativo di omicidio sarebbe avvenuto nel corso di una vera e propria spedizione punitiva, l'11 febbraio scorso nel centro storico della città.

Le vittime furono aggredite, tra l'altro, con una spranga di ferro, una stecca da biliardo e una mazza da baseball e colpite con il calcio di una pistola. I reati ipotizzati vanno dal tentativo di omicidio aggravato alle lesioni personali aggravate in concorso. Le vittime furono ferite nella testa.

Uno dei fratelli fu colpito in testa con una spranga di ferro. L'altro fu colpito in bocca con il calcio della pistola subendo la rottura degli incisivi e dei canini superiori ed inferiori. Le vittime furono soccorse in due diversi ospedali cittadini. Sul luogo della rissa la polizia trovò il manico di stecca da biliardo, una chiave da lavoro, la mazza da baseball e un tubo in ferro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento