Terremoti, Delrio: "Scuole catanesi costruite prima delle norme antisismiche"

Se ne è discusso durante la riunione sulle infrastrutture svoltasi nel Palazzo degli elefanti. Sulla situazione delle scuole a Catania, Delrio ha aggiunto: "Proprio perché siamo preoccupati della situazione che vogliamo lavorare intensamente su quest'aspetto"

"A Catania l'ottanta per cento delle scuole è stato costruito prima che entrassero in vigore le norme antisismiche. E proprio perché siamo preoccupati della situazione che vogliamo lavorare intensamente su quest'aspetto". Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio al termine di una riunione di lavoro sulle opere in corso di realizzazione a Catania svoltasi nel Palazzo degli elefanti.

"Già nella passata legge di stabilità - ha ricordato Delrio - abbiamo cominciato a inserire incentivi per chi ristruttura le proprie case sotto il profilo antisismico. In questo campo certamente l'esperienza del sindaco Bianco, che ha già affrontato questo problema quando era ministro dell'Interno, ci potrà aiutare a predisporre un percorso serio che ci consenta di ridurre al minimo i danni di questi eventi eccezionali. Dobbiamo dare poi grande attenzione agli edifici pubblici che ospitano i nostri bambini, i nostri ragazzi, e che devono essere assolutamente sicuri così come gli ospedali, sotto ogni punto di vista".

Delrio e Bianco visitano cantieri della metropolitana di Monte Po e corso Sicilia

"Abbiamo tutti - ha aggiunto il sindaco di Catania - la percezione nitida che la nostra città e tutto il Distretto della Sicilia sudorientale, colpita nel 1693 da un terribile terremoto, è una delle aree italiane a maggior rischio sismico. I terremoti che potrebbero svilupparsi qui, secondo gli esperti, sono molto più forti di quello che ha colpito l'Italia centrale. Abbiamo dunque un assoluto bisogno, come d'altra parte sottolineato dal presidente del Consiglio Renzi e dal ministro Delrio, di partecipare anche alla fase di ideazione e di progettazione del programma di messa in sicurezza per intervenire nelle scelte riguardanti il nostro territorio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo - ha aggiunto Bianco - due problemi drammatici: quello della messa in sicurezza degli edifici pubblici, a partire, come detto, dalle scuole, sulle quali comunque stiamo già lavorando per capire di quali interventi hanno bisogno, e quello del consolidamento di quelli privati. Dobbiamo lavorare seriamente per trovare formule di finanziamento semplici, anche attraverso degli sgravi, per far sì che ogni cittadino possa rendere sicura la propria casa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento