Terremoto sull'Etna, classe di ragazzini rimane bloccata: ma è una simulazione

Oggi 11 novembre 2018 il soccorso alpino e speleologico siciliano è stato coinvolto nella simulazione di un incidente in una grotta sull’Etna

Oggi 11 novembre 2018 il soccorso alpino e speleologico siciliano è stato coinvolto nella simulazione di un incidente in una grotta sull’Etna (grotta della catanese -CT-). In seguito a un terremoto di magnitudo 5.5 della scala Richter, una scolaresca di 30 persone rimane bloccato in grotta.

Dopo l'attivazione del CNSAS tramite 118, giungono in loco 14 tecnici del soccorso Speleologico i quali, una volta raggiunti e individuati i feriti, iniziano le manovre per portare fuori quest'ultimi. La simulazioni ha previsto 3 codici rossi e 3 codici gialli. I tecnici hanno provveduto a prestare il primo soccorso medicalizzato e a portare fuori con la barella speleologica i feriti.

Fuori dalla grotta, due squadre di tecnici alpini del CNSAS e di tecnici alpini del SaGF prendevano in consegna i feriti che una volta trasportati nella tenda montata dal Cnsas che fungeva da postazione medica avanzata venivano consegnati al personale medico del 118. Presente anche la Polizia di stato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento