rotate-mobile
Martedì, 28 Maggio 2024
Cronaca

"Allungavano" il carburante con oli esausti: tre arresti

Oltre 53 mila litri di gasolio "miscelato" e una stazione di rifornimento abusiva sono stati sequestrati dai finanzieri del comando provinciale di Catania. Le indagini hanno portato all'arresto di tre persone legate a due società che sostituiva il carburante con oli di scarsa qualità poi distribuito ad ignare stazioni di rifornimento

I finanzieri del comando provinciale di Catania della guardia di finanza hanno dato esecuzione a un’ordinanza con cui il Giudice per le indagini preliminari presso il locale Tribunale ha disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti di tre indagati, ritenuti responsabili del reato di sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa su prodotti energetici.

L’indagine trae origine da un controllo effettuato sulla qualità del prodotto petrolifero scaricato presso un distributore stradale della provincia etnea, a seguito del quale è stata riscontrata la non conformità dei campioni prelevati per l’altissimo contenuto di zolfo. I successivi approfondimenti investigativi avrebbero permesso di ricostruire il meccanismo di frode che sarebbe stato posto in essere dagli indagati Giuseppe Adornetto (36 anni), Vincenzo Salvatore Adornetto (64 anni) e Claudio Iacono (66 anni).

Nel dettaglio, i finanzieri del nucleo Pef di Catania hanno riscontrato che gli Adornetto, a vario titolo amministratori e legali rappresentanti delle società di autotrasporto GI.SA. Autotrasporti srl e Lp Transport srls, aventi la stessa sede operativa sita nella zona industriale di Catania, con l’ausilio di Iacono, già dipendente di quest’ultima con mansioni di autista, avrebbero sfruttato i trasporti di prodotti energetici eseguiti per conto degli ignari committenti per prelevare di volta in volta dalle autobotti migliaia di litri di carburante, sostituendoli con analoghi quantitativi di oli esausti di scarsa qualità.

Le operazioni sarebbero state effettuate mediante soste temporanee dell’autocisterna presso la sede societaria della Lp Transport, prima di riprendere la marcia verso l’effettivo destinatario, il quale, ignaro della miscelazione, avrebbe ricevuto un prodotto qualitativamente non conforme e, pertanto, inidoneo all’utilizzo per uso autotrazione. Il carburante prelevato dagli indagati sarebbe stato successivamente destinato sia al rifornimento degli automezzi aziendali sia all’abusiva vendita al dettaglio nei confronti di privati mediante la predisposizione all’interno della sede societaria della citata Lp Transport di una vera e propria stazione di servizio abusiva per il rifornimento dei mezzi. A riscontro delle evidenze investigative, raccolte anche mediante attività tecniche e servizi di osservazione, sono stati effettuati mirati controlli subito dopo le presunte operazioni di manipolazione del prodotto trasportato, al cui esito sono stati deferiti a questa Procura 5 soggetti e sottoposti a sequestro circa 53 mila litri di carburante “miscelato”, 5 mila litri di olii lubrificanti esausti, 2 autocisterne e l’apparecchiatura per l’erogazione clandestina del prodotto. Nel corso degli interventi, sono stati, in particolare, prelevati dei campioni, tempestivamente analizzati con l’ausilio del laboratorio analisi dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, che avrebbero confermato la non conformità dei prodotti trasportati per effetto dell’illecita miscelazione.

Il Giudice per le indagini preliminari ha dunque disposto la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti dei predetti indagati, ritenuti responsabili dei reati di sottrazione fraudolenta all’accertamento o al pagamento delle accise sugli oli minerali, aggravato dall’aver commesso il fatto su una quantità di prodotto energetico superiore a 2.000 kg.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Allungavano" il carburante con oli esausti: tre arresti

CataniaToday è in caricamento