Denunciata una donna per truffa su un sito di annunci online

Dopo aver messo in vendita una componente per il computer e aver incassato su una carta ricaricabile la somma pattuita è sparita

E' indagata per favoreggiamento e truffa aggravata una donna di origini rumene, classe 1978. La polizia l'ha scoperta a seguito di una denuncia effettuata dal commissariato di Sanremo. La donna è accusata di aver truffato un acquirente su un sito di vendite online. Infatti la donna lo scorso febbraio aveva messo in vendita una scheda video per pc. L'acquirente, della provincia di Torino, si è messo in contatto con la donna che lo aveva invitato a proseguire la trattativa su un’utenza cellulare tramite Whatsapp”e, dopo uno scambio di informazioni tra i due era stata pattuita una somma di 177 euro da pagare con addebito su una carta prepagata Postepay. 

La carta era intestata alla moglie del venditore e i due si erano accordati per il ritiro del bene acquistato presso l’abitazione della donna ad Ancona, tramite un corriere espresso. Però l'acquirente dopo aver pagato ha visto che la carta era intestata a un nominativo diverso da quello comunicato dal venditore. Nei giorni successivi al pagamento, il denunciante aveva più volte chiamato il venditore per accertarsi se il corriere fosse passato per ritirare il bene acquistato, ma dopo aver inventato qualche scusa per giustificare la mancata
consegna, il venditore non rispondeva ai solleciti fatti dal denunciante.

Così dagli accertamenti effettuati è risultato che la sim utilizzata dal venditore per interagire con l’acquirente era intestata a un cittadino extracomunitario, non presente negli archivi della oolizia, che è comunque residente in Catania, La donna risulta indagata per fatti analoghi e medesime dinamiche, da altri uffici di polizia da cui si evince che la carta prepagata continuava ad essere utilizzata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento