Un asilo nido per i figli dei dipendenti dell'Università di Catania

Per ricordare i 27 bambini rimasti uccisi in Molise nel 2002 con la loro insegnante nel crollo della loro scuola a San Giuliano di Puglia (Campobasso). Lo costruirà a proprie spese e lo donerà all'Ateneo un ex imprenditore

Un asilo nido per i figli dei dipendenti dell'Università di Catania per ricordare i 27 bambini rimasti uccisi in Molise nel 2002 con la loro insegnante nel crollo della loro scuola a San Giuliano di Puglia (Campobasso). Lo costruirà a proprie spese e lo donerà all'Ateneo un ex imprenditore nel ramo delle attrezzature sanitarie, Salvatore Ciacchella, 93 anni, profondamente colpito dalla tragedia degli "angeli di San Giuliano".

La struttura, che dopo il via libera del Comune potrà sorgere in un terreno della Cittadella universitaria, nei pressi del Polo bioscientifico di Agraria, avrà una copertura che ricorderà le ali di un gabbiano, così come ha voluto il benefattore committente, che ha preteso anche che l'edificio - una struttura di 600 mq che accogliera' inizialmente trenta bambini, il cui progetto è stato redatto dall'architetto trentino Angelo Maria Tellone e dai catanesi Vito Carmelo e Oriana La Verde con il supporto del prof. Corrado Fianchino - possieda caratteristiche di sicurezza, anche antisismica, e prestazioni energetiche assolutamente all'avanguardia. Stamane a Catania il direttore generale dell'Universita' Federico Portoghese e l'imprenditore, accompagnato dai nipoti Maria Laura e Stefano, hanno siglato davanti al notaio la cessione in comodato del terreno e riconfermato gli impegni, da portare a termine entro il termine massimo di 3 anni dall'approvazione comunale.

"Desidero manifestare la mia personale gratitudine e quella di tutto l'Ateneo - ha commentato il rettore Giacomo Pignataro - a chi, con questo atto di profonda generosita' e di sensibilita' nei confronti del benessere dei bambini, ha dimostrato anche un alto senso civico e di responsabilita' sociale". "E' un gesto - ha aggiunto - che senza dubbio rimarra' nella storia della citta'. Dal canto nostro ci impegniamo sin d'ora a gestire la struttura e i servizi che essa offrira' secondo standard e criteri di assoluta efficienza e funzionalita' all'altezza degli auspici di chi ce l'ha donata". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento