menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Antonello da Messina, scoperto lavoratore in nero da oltre dieci anni

Un controllo è stato eseguito presso un’attività commerciale presente in via Antonello da Messina, dove è stato identificato un uomo che, come accertato a seguito di attività investigativa, vi lavorava in nero da oltre dieci anni

Controlli straordinari della polizia di Borgo-Ognina, per contrastare il fenomeno dello sfruttamento dei lavoratori e della violazione delle norme in materia di attribuzione della Naspi e dell’Ape Sociale, nonché a verificare le condizioni di sicurezza e di salubrità negli ambienti di lavoro.

Un controllo è stato eseguito presso un’attività commerciale presente in via Antonello da Messina, dove è stato identificato un uomo che, come accertato a seguito di attività investigativa, vi lavorava in nero da oltre dieci anni. Aveva presentato istanza all’Inps per ottenere il riconoscimento di una pensione sociale. Il dipendente, C.G., avendo falsamente autocertificato all’Inps di essere disoccupato sin dal 2003, è stato indagato in stato di libertà per il reato di falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico e per il reato di tentata truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

A seguire, è stato identificato il datore di lavoro, F. M., sul cui conto è risultato che aveva alle proprie dipendenze “in nero” C.G., al quale, già da diversi anni, corrispondeva un compenso di meno di 5 euro l’ora. Per tale motivo, il datore di lavoro è stato indagato in stato di libertà per il reato di sfruttamento del lavoro, approfittando dello stato di bisogno del lavoratore.

F.M., inoltre, è stato indagato in stato di libertà per reati legati a violazioni in materia di salubrità e sicurezza sui luoghi di lavoro, con particolare riferimento allo stato di sporcizia, alla mancanza di armadietti, di spogliatoi e di estintori. All’interno dell’esercizio commerciale, per di più, sono stati notati alcuni monitor le cui immagini riprendevano illecitamente la pubblica via: per tale motivo, al responsabile sarà comminata una sanzione che va da 6.000 a 36.000 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento