Via San Giovanni Battista: auto sui marciapiedi, pedoni in strada

Il paradosso di una delle principali arterie di San Giovanni Galermo: marciapiedi grandi e carenza parcheggi auto. E' quanto denuncia il consigliere comunale Giuseppe Catalano

Viabilità a singhiozzo a San Giovanni Galermo. Un problema che il quartiere si trascina da tantissimo tempo e che si manifesta soprattutto in alcune zone. Come in via San Giovanni Battista, l’arteria principale della zona che collega il territorio con il resto dei paesi limitrofi. Qui sono concentrati la maggior parte delle attività commerciali del quartiere.

Il consigliere comunale, Giuseppe Catalano, individua nella mancanza di parcheggi la causa dei disagi alla circolazione: "L'ultimo piano viario, di quasi dieci anni fa, ha profondamente cambiato la mobilità di San Giovanni Galermo ma si registrano ancora disagi al flusso veicolare legati alla carenza di parcheggi in via Battista. Questo costringe molti automobilisti a posteggiare sopra i marciapiedi. Una dimostrazione di inciviltà che obbliga i pedoni a camminare ai bordi della strada"

"Durante le sedute delle commissioni comunali alla Mobilità e ai Lavori Pubblici delle ultime settimane - continua Catalano -, ha avanzato la proposta di ridurre l’ampiezza dei marciapiedi di via San Giovanni Battista, soprattutto nella parte sud, per ricavare lo spazio necessario ad istallare nuovi box in una delle principali arterie del quartiere. Questo consentirebbe alle auto ed ai furgoni di avere nuovi posteggi a disposizione, di non invadere i passaggi pedonali e di non danneggiare il basolato che non riesce a sopportare un peso tanto grande"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Allo stesso tempo i pedoni - conclude - sarebbero liberi dall’invasione delle macchine e i residenti dei palazzi non si ritroverebbero l’accesso di casa bloccato da una macchina in sosta. I tecnici comunali hanno già stilato un progetto operativo dal costo di 100.000 euro. Adesso tocca all’amministrazione comunale fare in modo che ci sia una reale volontà politica di risolvere questo annoso problema avviando un piano che, per ora, resta solo sulla carta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento