Viale Mario Rapisardi, i marciapiedi sono "terra di nessuno"

Sul viale Rapisardi il comitato “Terranostra”, rimarca la necessità di avviare un progetto a lungo termine che non si basi solo sulle multe

Discariche, pavimentazione danneggiata, auto e scooter parcheggiati. Questo è quello che trovano i pedoni sui marciapiedi del viale Mario Rapisardi. Una situazione comune a molti altri quartieri della città che qui, in una zona molto trafficata ed a forte vocazione commerciale, crea disagi ancora maggiori. "Alla base di tutto - denuncia il comitato Terranostra, tramite Carmelo Sofia - manca il senso civico con la conseguenza che moltissimi maleducati e prepotenti utilizzano i marciapiedi come un enorme cassonetto o come il proprio posteggio personale con il risultato di danneggiare pure la pavimentazione. Occorre un tavolo di concertazione con polizia municipale, associazioni del territorio, istituzioni e comitati cittadini. Tutti uniti per un’azione di prevenzione ed educazione dell’automobilista e del pendolare verso il rispetto delle regole. A completare il quadro, servirebbe l’istallazione di un sistema di telecamere che scoraggi e monitorizzi altri comportamenti incivili". Sul viale Rapisardi il comitato “Terranostra”, rimarca la necessità di avviare un progetto a lungo termine che non si basi solo sulle multe.

Potrebbe interessarti

  • Cellulari: alcune funzioni segrete

  • Allergia al nichel: sintomi e cibi da evitare

  • Estate: ogni quanto cambiare lenzuola ed asciugamani

  • A contatto con le meduse: cosa fare e cosa non fare

I più letti della settimana

  • Cellulari: alcune funzioni segrete

  • Operazione "Isola Bella", i nomi degli arrestati

  • Droga, ostaggi, pizzo e accordi tra clan: Mazzei sotto scacco

  • Operazione "Hostage", i nomi dei 12 arrestati

  • Arrestato spacciatore: i clienti lo chiamavano “Toretto” da “Fast and Furious”

  • Dentro la classe con gli scooter, due studenti 19enni denunciati

Torna su
CataniaToday è in caricamento