Violenze e lesioni alla moglie, arrestato in aeroporto prima dell'imbarco

La polizia di Frontiera,durante il controllo dei passeggeri in partenza per Marrakech, ha arrestato il cittadino marocchino G.M. classe ‘86

Nell’ambito delle attività preventive correlate ai controlli di frontiera effettuati da questo Ufficio, nel pomeriggio di ieri 24 novembre, personale della Polizia di Frontiera dell’Aeroporto di Catania, durante il controllo dei passeggeri in partenza per Marrakech, ha proceduto all’arresto del cittadino marocchino G.M. classe ‘86, in quanto destinatario di un’ordinanza di misura cautelare agli arresti domiciliari.

L’uomo, in diverse occasioni, risulta aver aggredito la moglie, colpendola con pugni e calci, procurandole varie lesioni, anche quando la donna era in stato di gravidanza; lo stesso, con il suo atteggiamento aggressivo, ha cagionato alla donna penose condizioni di vita, lesive della sua integrità morale e del suo decoro, oltre a provocarle un costante stato d’ansia; in diverse occasioni la moglie è stata anche minacciata di morte. Il marocchino sperava di potere riuscire a superare indenne i controlli in partenza, ma gli esperti operatori della Polizia di Frontiera sono riusciti a identificarlo, approfondendo il controllo che ne permetteva la cattura. A conclusione degli atti di rito, l’arrestato è stato accompagnato presso il proprio domicilio, a disposizione del Tribunale di Reggio Calabria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento