Gruppo Aligrup: si attende il nullaosta salva dipendenti

Ore decisive per i dipendenti dei supermercati Despar dopo l'incontro tra i dirigenti Aligrup, Coop e le organizzazioni sindacali presso la Camera di Commercio di Catania

In serata la crisi dell’Aligrup, la società che gestisce innumerevoli negozi a marchio Despar nella provincia di Catania e non solo, potrebbe trovare una soluzione positiva per i suoi 2mila dipendenti.

Ieri c’è stata infatti una riunione in Prefettura e sembra che ci sia la volontà di sbloccare l’empasse causato dal cambio di commissario del tribunale di Catania. I sindacati hanno chiesto all’azienda di mettere per iscritto una relazione che riguarda la cessione del ramo d’azienda della Aligrup e a seguito di questa il Tribunale ha dichiarato di essere disponibile a dare il nullaosta, condizione necessaria per il fitto del ramo d’azienda da parte della Coop.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA VICENDA - Il gruppo Aligrup è entrato in crisi mesi fa. Ad iniziare il periodo nero è stata la sentenza di condanna emessa dal tribunale di Catania nei confronti del titolare dell’azienda Sebastiano Scuto, condanna che ha portato al commissariamento del  15% dell’azienda. Successivamente la società è entrata in crisi economica ed ha deciso di dare in affitto un ramo d’azienda: 21 punti vendita alla Coop, 9 alla Conad, 4 a Ergon e ad altre aziende. La Coop nel protocollo d’intesa firmato con la Aligrup aveva posto delle condizioni per quanto riguarda il fitto del ramo d’azienda, dichiarando di volere ottenere dal Tribunale di Catania il nullaosta senza il quale non avrebbe potuto procedere all’acquisizione e dunque anche all’approvvigionamento dei supermercati e al pagamento degli stipendi. Ma la procedura è slittata perché il tribunale sostituisce il Commissario già nominato con un altro che non conoscendo i fatti non può procede al nullaosta. La fase di stallo mette in serio pericolo anche la prospettiva di brevissimo termine, dal momento che l’azienda non ha più le risorse finanziarie per procedere al normale riordino delle merci per i punti vendita e al pagamento degli stipendi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento