Auto più rubate in Italia: la classifica

Nel corso degli ultimi anni sono sempre più in aumento i furti di auto e purtroppo sono anche in aumento i mancati ritrovamenti del veicolo dopo la denuncia all'autorità giudiziaria

Chi ha intenzione nelle prossime settimane di comprare una nuova automobile potrebbe essere influenzato nella scelta dai dati trasmessi dal Corriere della Sera e dalla Polizia di Stato riguardanti i veicoli più rubati in Italia nel 2018. I furti sono aumentati rispetto al 2017 di 105.239 unità.

Al primo posto per auto rubate c'è la Campania (21.577), poi Lazio, Puglia, Lombardia e Sicilia (12.920).

Nel corso degli anni sono diminuiti anche i ritrovamenti: le regioni dove è più difficile ritrovare l'auto sono Lazio e Campania.

Auto più rubate in Italia

1. Fiat Panda

2. Fiat 500

3. Fiat Punto

4. Lancia Y

5. Volkswagen Golf

6. Ford Fiesta

7. Smart Fortwo Coupè

8. Renault Clio

9. Fiat Uno

10. Opel Corsa

I SUV più rubati in Italia

1. Nissan Quashqai

2. Land Rover Range Rover

3. Land Rover Evoque

4. Toyota Rav 4

5. Kia Sportage

6. Hyundai Tucson

7. BMW X5

8. Mercedes ML

9. BMW X

10. Mitsubishi Pajero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Blitz antidroga a San Cristoforo, sequestrati cocaina e 7 mila euro in contanti

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Il Gruppo Arena lancia l’ultimo modello di Superstore

  • Coronavirus, avvocato positivo: scatta protocollo di sicurezza al palazzo di giustizia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento