Regionali Sicilia 2012

Chiamate ai malati per sostenere candidato Udc? Humanitas smentisce

Tutto parte dalla testimonianza in 'rete' di una malata, in cura nella clinica, che avrebbe ricevuto una chiamata di sostegno elettorale al giovane medico candidato dell'Udc

Dopo lo scandalo delle "mail politiche" inviate agli studenti dal figlio di una prof candidata alle Regionali 2012, un altro episodio si sarebbe verificato sempre a Catania. Si è diffusa a macchia d'olio sul web la notizia di una richiesta di voti a malati di tumore a sostegno del candidato Udc Luca Sammartino.

Tutto sarebbe partito dalla testimonianza di Rosa Oliva, paziente della clinica Humanitas di Catania. A detta della donna, sarebbero partite telefonate dalla clinica per sostenere il candidato dell'Udc.

Humanitas, centro catanese di oncologia, dichiara, in una nota, ''la propria totale estraneita''' su ''alcune notizie apparse su fonti online riguardanti presunte telefonate effettuate recentemente a supporto di un candidato alle elezioni regionali in Sicilia''.

''L'ospedale - annuncia Humanitas centro catanese di Oncologia - si riserva di valutare l'accaduto ed e' pronto a tutelare il proprio nome in tutte le sedi piu' opportune''.

Anche il candidato in questione, su facebook lancia un messaggio dove dichiara la sua estraneità ai fatti: " Ho appreso con stupore che sarebbe stato utilizzato impropriamente il nome di Humanitas Centro Catanese di Oncologia di Catania per sostenere la mia candidatura. In particolare alcuni pazienti sarebbero stati chiamati nelle ultime ore per ottenere interesse nei miei confronti.Ci tengo a precisare che Humanitas in nessun modo e a nessun titolo mi rappresenta. Se queste telefonate sono state fatte, sono a titolo assolutamente privato, e mi scuso con l'ospedale, un istituto che gode grande considerazione nella comunità catanese, per il danno che potesse essergli stato arrecato in questo frangente".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiamate ai malati per sostenere candidato Udc? Humanitas smentisce

CataniaToday è in caricamento