Venerdì, 18 Giugno 2021
social

Adolescenti a rischio 'cyberdipendenza' - In aiuto i 'pronto soccorso psicologico'

I 310 psicologi della rete del pronto soccorso 'Roma Est' sono presenti in tutte le regioni italiane e in 20 paesi esteri

A partire dal 1995 la dipendenza da internet, conosciuta anche come IAD (Internet Addiction Disorder), è considerata una nuova malattia che consiste nell'uso smodato della tecnologia che compromette la vita delle persone.

Le ultime statistiche dicono che il 59% della popolazione mondiale è un utente attivo su Internet e la maggior parte del tempo viene trascorsa nella ricerca di qualcosa o nel semplice utilizzo del mezzo e questo ovviamente influisce in maniera negativa sull'area personale, sociale e lavorativa.

Le diverse forme di IAD

Dipendenza cybersessuale - Utilizzo esagerato di materiale pornografico o di chat per adulti

Dipendenza cyber-relazionale - Eccessivo coinvolgimento in relazioni personali online

Uso compulsivo di internet - Gioco d'azzardo online, shopping compulsivo online, scommesse online

Sovraccarico cognitivo - Ricevere continuamente e compulsivamente informazioni prese dal web

Dipendenza dai videogiochi - Giocare sempre online con altre persone nelle realtà virtuali ed essere in crisi d'astinenza quando non si gioca

Secondo gli ultimi studi effettuati durante il periodo della pandemia l'utilizzo del pc o dello smartphone è ovviamente notevolmente aumentato anche a causa della necessità di lavorare da casa. 

Il grosso rischio che si corre, secondo gli esperti, è sicuramente quello che riguarda la possibilità che molti giovani si possano realmente disconnettere dalla vita reale. Per questo motivo ai genitori che si cominciano ad accorgere che qualcosa nei loro figli non sta andando per il verso giusto si consiglia di richiedere un sostegno psicologico. 

L'obiettivo è quello di farlo diventare più consapevole dei propri pensieri, delle proprie emozioni e dei propri comportamenti in maniera tale da evitare che possa sempre cercare una sorta di consolazione nel web a quello che effettivamente gli manca. 

Per far fronte a queste problematiche il Pronto Soccorso Psicologico “Roma Est” ha istituito un servizio di aiuto psicologico in 22 lingue, per aiutare adolescenti ed adulti ad uscire dalla dipendenza di internet.

I 310 psicologi della rete del pronto soccorso sono presenti in tutte le regioni italiane e in 20 paesi esteri, come Regno Unito, Hong Kong, Messico, Russia, Argentina, Grecia, Kenya, Ghana, Brasile, Portogallo, Serbia, Romania, Bulgaria, Egitto, Giordania, Pakistan, Azerbaijan, India, Spagna, Svizzera.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Adolescenti a rischio 'cyberdipendenza' - In aiuto i 'pronto soccorso psicologico'

CataniaToday è in caricamento