rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Calcio

Serie D, Catania straripante: Vitale, Jefferson e Forchignone stendono la Vibonese

Troppo Catania per una Vibonese ridotta in inferiorità numerica dal 20' del primo tempo per l'espulsione (somma di ammonizioni) di Basualdo. Al "Massimino" finisce 3-0 per i rossazzuri, risultato mai in discussione per la compagine etnea.

Un Catania straripante abbatte la Vibonese al "Massimino". I rossazzurri si impongono sugli avversari col rotondo punteggio di 3-0. Esito della sfida mai realmente in discussione. Sin da subito i valori sono emersi premiando la generosità degli etnei che agguantano così la quarta vittoria consecutiva in altrettante giornate di campionato, trovando anche il bel gioco che negli ultimi appuntamenti era mancato. Calcio spettacolo in alcuni frangenti, con la qualità degli interpreti a determinare un divario netto con gli uomini di mister Giacomo Modica. 

Confermate le impressioni della vigilia in merito all'undici schierato da mister Giovanni Ferraro. In porta Bethers, con Rapisarda, Somma, Lorenzini e Castellini a completare il pacchetto arretrato. Rizzo, Lodi e Vitale in mezzo al campo e tridente d'attacco formato da Forchignone, Sarao e Giovinco. La Vibonese si mette a specchio, puntando su giocatori di categoria e in particolare su Balla per provare ad insidiare la forte difesa catanese. Sin dal fischio d'inizio è il Catania a tenere il pallino e voler imporre all'avversario la propria forza. Già al 4' i rossazzurri passano al termine di un'azione magistrale: Lodi lancia, Sarao serve di testa Vitale che fredda Rendic con un tiro preciso di sinistro che si insacca alla destra del portiere dei calabresi. La marcatura entusiasma i circa 9mila che anche di mercoledì alle 15 hanno "preso d'assalto" gli spalti dello stadio "Massimino". Gli ospiti provano a reagire con un paio di azioni estemporanee che però non producono grattacapi a Bethers che può disimpegnarsi con l'ordinaria amministrazione. All'11' Forchignone lancia dalla corsia di destra un pallone invitante per Sarao che per poco non aggancia sprecando una clamorosa occasione per raddoppiare. Al 20' la partita si mette ancor più in discesa per il Catania: Basualdo, precedentemente ammonito, commette fallo su uno scatenato Forchignone: doppio giallo ed espulsione per il numero 14 della Vibonese. Al 30' i padroni di casa si rendono pericolosi: Castellini accelera a sinistra, mette in mezzo e trova Sarao che scarica la conclusione finita per un soffio sul fondo. Un minuto dopo ancora i rossazzurri che provano a chiudere i conti. Stavolta è Lodi a lanciare con i giri giusti il giovane Forchignone, ma anche in questa circostanza il tiro dell'esterno non ha i giri giusti e la sfera finisce fuori. Al 35' Sarao ci riprova eludendo dopo un gran lancio pure il portiere, uscito fuori dall'area nel tentativo estremo di recuperare, ma costretto a tirare da distanza troppo elevata non riesce a segnare. Non succede altro di rilevante, se non una conclusione da lontano di Lodi e dopo un minuto di recupero le due squadre vengono mandate negli spogliatoi per l'intervallo.

Nella ripresa nessuna sostituzione e non cambia neanche il copione del match. Catania subito avanti con Forchignone che vince un contrasto e mette un pallone in mezzo, deviato sul palo. Dopo un paio di minuti di gran pressione degli etnei, esce fuori la Vibonese: Balla approfitta di una sbavatura difensiva e tira a botta sicura, grandissima parata d'istinto di Bethers. Il rischio corso scuote i rossazzurri che si riversano avanti. Ancora una volta è Forchignone a trovarsi a tu per tu con Rendic che riesce a ipnotizzarlo chiudendo con un ottimo intervento. Al 55' Ferraro decide di effettuare il primo cambio della partita: dentro Jefferson, fuori Sarao. Proprio Jefferson è l'autore del raddoppio rossazzurro al 60': assist al bacio di Castellini e colpo di testa della punta etnea che insacca il goal della liberazione. Adesso i padroni di casa possono gestire il doppio vantaggio e la superiorità numerica. Girandola di cambi dopo la rete. Il Catania propone Sarno al posto di Giovinco, mentre la Vibonese cambia tre uomini: dentro Scafetta, Ayad e Albisetti, out Szymanowski, Nallo e Hernaiz. Al 73' altro cambio nella Vibonese che richiama in panchina De Marco per Giammarinaro. Poco prima Catania vicino al tris con Lodi liberato al tiro da Jefferson, pallone altissimo sopra la traversa. Gli etnei provano a concretizzare anche tramite piazzato, mettendo paura alla difesa avversaria. Al 75' ci prova anche Sarno, Catania alla ricerca del calcio champagne, il suo diagonale finisce però fuori strozzando l'urlo di gioia dei tifosi. La terza rete arriva comunque e al 79' la segna Forchignone che, finalmente, riesce a centrare il bersaglio scaravendando in rete un pallone dal cuore dell'area piccola. Nel finale spazio anche per Bani e Boccia che possono così mettere minuti nelle gambe. Traversa Vibonese al 90' con il neo entrato Albisetti che da buona posizione trova il legno anziché il goal. 

CATANIA-VIBONESE 3-0 4' Vitale, 60' Jefferson, 79' Forchignone

CATANIA (4-3-3): Bethers 6,5; Rapisarda 6, Somma 6, Lorenzini 6,5, Castellini 7; Rizzo 6 (dal 67' Palermo 6), Lodi 6,5 (dal 78' Bani 6), Vitale 7; Forchignone 6,5 (dal minuto 82' Boccia sv), Sarao 6 (dal 55' Jefferson 7), Giovinco 5 (dal 61' Sarno 6). A disposizione: Groaz, Boccia, Ferrara, Lubishtani, Buffa. Allenatore: Ferraro 7.

VIBONESE (4-3-3): Rendic 5,5; Tazza 5,5, Sparandeo 6, Bonnin 5,5, Nallo 6 (dal 62' Ayad 6); De Marco 5,5 (dal 73' Giammarinaro 6), Basualdo 3, Anzelmo, Hernaiz 6 (dal 62' Albisetti 6); Szymanowski 5,5 (dal 61' Scafetta 6), Balla 6 (dal 81' Vari sv). A disposizione: Spadini, Palazzo, Giammarinaro, Politi, Martiniello. Allenatore: Modica 5,5.
ARBITRO: Mario Picardi (Viareggio)
Assistenti: Carlo De Luca (Merano) e Marco Munitello (Gradisca d’Isonzo).
Ammoniti: Basualdo, Rizzo, Jefferson, Lorenzini, Vari
Note: Espulso Basualdo al 20' (doppia ammonizione)
Recupero 1'-4' Angoli 8-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Serie D, Catania straripante: Vitale, Jefferson e Forchignone stendono la Vibonese

CataniaToday è in caricamento