Anche in Sicilia ‘seminare il futuro!’

Domenica 14 ottobre appuntamento presso Ecofruit Società Cooperativa a Bagheria (PA) e presso l’Azienda Agricola A.P.A.B. a Noto (SR) per la semina collettiva promossa da EcorNaturaSì. Un invito a tutti i cittadini, famiglie e bambini per trascorrere una giornata all’insegna del bio a difesa della biodiversità.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

 

Anche la Sicilia è protagonista di "Seminare il futuro!", l'iniziativa che si svolge contemporaneamente in 27 aziende agricole biologiche e biodinamiche in Italia: domenica 14 ottobre Ecofruit Soc. Coop., organizzazione di produttori biologici di tutta la Sicilia specializzati in piantagioni di agrumi, frutta e vegetali, e l'Azienda Agricola A.P.A.B., specializzata nella coltivazione biologica di ortaggi, aprono le loro porte a tutti per compiere un gesto dall'alto valore simbolico, la semina a mano.

Un gesto semplice e antico per ricordare l'importanza della biodiversità e ribadire il no ai brevetti delle multinazionali sulle sementi, che devono rimanere patrimonio comune, per riflettere sul futuro dell'agricoltura e per comprendere l'importanza che i semi rivestono per l'ecosistema, per l'uomo e per la sua sopravvivenza.

Presso le due aziende agricole - per Ecofruit Vanellone del Fonditore, 130 a Bagheria (PA) e Azienda Agricola A.P.A.B. Contrada da Gisira Noto (SR) - alle ore 10.30 tutti i partecipanti ricevono una misura di grano bio - frutto di una selezione che rinuncia all'uso degli ibridi, alla manipolazione genetica e mira a ottenere piante sane, robuste e riseminabili - per procedere poi alla semina collettiva a mano sul campo che si tiene alle ore 11.00 in tutte le aziende aderenti a Seminare il Futuro!.

La porzione di terreno seminata sarà poi contraddistinta da uno striscione sul quale i partecipanti lasceranno la loro firma: per un anno, fino alla raccolta, chiunque potrà osservare la crescita dei cereali seminati.

"Con Seminare il futuro! - spiega Fabio Brescacin, presidente di EcorNaturaSì - tutti insieme vogliamo riaffermare l'importanza degli alimenti non inquinati da additivi, sofisticazioni, residui chimici, cibi che non siano frutto di sementi selezionate per la produttività e poco compatibili con la nostra salute. Ecco perché la semente biologica e biodinamica che verrà usata il 14 ottobre proviene da un processo di selezione che rinuncia all'uso degli ibridi, alla manipolazione genetica, e mira a ottenere piante sane, robuste e riseminabili. A livello sociale, l'operazione mira a ribadire l'importanza della sovranità alimentare locale e la consapevolezza che i semi biologici e biodinamici offrono una alternativa più che valida agli Ogm".

Seminare il futuro! offre così l'occasione di compiere un gesto simbolico e concreto allo stesso tempo, mettendo in relazione chi produce con chi consuma.

Domenica 14 ottobre, dopo la semina, la giornata prosegue nelle due aziende con un semplice buffet a base di prodotti biologici e con un pomeriggio a contatto con la Natura.

L'evento si vuole collegare simbolicamente anche con la Giornata Mondiale dell'Alimentazione del 16 ottobre, che quest'anno avrà come tema 'Le cooperative agricole nutrono il mondo'.

A promuovere Seminare il futuro! sono EcorNaturaSì - azienda leader in Italia nella distribuzione di prodotti biologici - insieme ai negozi Cuorebio e NaturaSì, con il patrocinio dell'Associazione per l'agricoltura biodinamica e di Demeter Italia.

L'elenco completo delle aziende partecipanti, i programmi ed ogni informazione sull'evento sono disponibili sul sito www.seminareilfuturo.it.

L'evento sarà inoltre amplificato dall'uso degli strumenti del web 2.0: sarà possibile partecipare a Seminare il futuro! utilizzando la sigla #sif12 sui principali social network.

Torna su
CataniaToday è in caricamento