Mal di testa: impacco freddo o caldo?

In caso di mal di testa è possibile farlo passare utilizzando sia degli impacchi freddi che degli impacchi caldi

Pur vivendo in una società come quella occidentale che non rinuncia mai ad avere farmaci in casa può capitare di non trovare a portata di mano un analgesico quando si ha mal di testa.

In questo caso ci si chiede da sempre se sia meglio un impacco freddo o uno caldo. Nella realtà quello freddo, essendo il ghiaccio un vasocostrittore, riduce il dolore acuto e conferisce sollievo in caso di infiammazione, limitando la comparsa di lividi. Il caldo invece aumenta il flusso sanguigno rilassando i muscoli rigidi e rimendiando alle giunture doloranti.

Per questo motivo quando abbiamo l'emicrania degli impacchi freddi sopra fronte, occhi e tempie aiutano a ridurre le pulsazioni del mal di testa. Il panno caldo può essere utile per ridurre gli spasmi del collo che in alcuni casi possono essere la causa del mal di testa.

Per fare degli impacchi freddi casalinghi si possono utilizzare dei cubetti di ghiaccio o dei piselli o dei fagioli congelati in una borsa e posizionarli sulla zona dolorante per circa 10-15 minuti facendo attenzione a non ustionare la cute.

Si possono anche acquistare delle maschere fredde in farmacia e collocarle sopra la fronte e le tempie.

Bisogna però ricordare come il freddo può anche far insorgere l'emicrania. Può capitare se si mangiano velocemente cibi freddi come velati e ghiaccioli perchè il palato subisce un colpo freddo troppo improvviso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento