Addiopizzo sul maxi sequestro a Bronte

Addiopizzo Catania si congratula per il consueto ottimo lavoro della DIA che, sotto il coordinamento della Procura etnea, nella giornata di oggi ha sequestrato a Bronte un patrimonio dal valore di oltre tre milioni di euro presuntivamente riconducibile ad un pregiudicato per mafia collegato alla cosca Santapaola-Ercolano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Addiopizzo Catania si congratula per il consueto ottimo lavoro della DIA che, sotto il coordinamento della Procura etnea, nella giornata di oggi ha sequestrato a Bronte un patrimonio dal valore di oltre tre milioni di euro presuntivamente riconducibile ad un pregiudicato per mafia collegato alla cosca Santapaola-Ercolano.
Ciò che più rileva dell’operazione odierna, oltre all’ingente valore del sequestro, è che tra i beni sequestrati figura un’azienda che nel Parco dell’Etna avrebbe realizzato una vera e propria discarica abusiva.
Ad essere colpiti dalle attività illecite della criminalità organizzata sono stati dunque beni appartenenti al patrimonio di tutti i cittadini: l’ambiente e la salute pubblica.
E’ giunto davvero il momento che la cittadinanza prenda piena consapevolezza dell’influenza distruttiva che la criminalità organizzata esercita sulle condizioni di vita (economiche, ambientali e culturali) di ciascuno di noi.
E' a partire da questa consapevolezza che bisogna rimboccarsi le maniche per raggiungere il cambiamento di cui questa terra ha bisogno.

Torna su
CataniaToday è in caricamento