Al Pigno un meccanico con un arsenale nascosto in una mansarda

L'uomo è finito in manette. Diverse le pistole rubate e le munizioni ritrovate dai militari dell'Arma

Un meccanico 55enne, con un arsenale nascosto in mansarda, è stato arrestato dai carabinieri della squadra Lupi. L'uomo si chiama Alfonso Sparti e dovrà rispondere di detenzione illegale di munizionamento da guerra, di arma clandestina, di armi comuni da sparo e munizionamento, nonché di ricettazione.

IMG-20200122-WA0001-2

I militari dell'Arma lo avevano tenuto sott'occhio per i suoi trascorsi criminali e al rientro in casa del meccanico hanno effettuato una perquisizione, evitando così che l'uomo potesse nascondere qualcosa. Una volta arrivata in una mansarda si è presentata ai carabinieri una vera e propria santabarbara: una pistola Browning calibro 7,65, rubata nell’aprile del 2014 a Fiumefreddo  di   Sicilia,  una  Beretta   calibro  22  rubata  nel  luglio  del   1995  a  Gela, una semiautomatica Grand Power K100 calibro 9x21 con matricola abrasa, nonché 7 cartucce calibro 9x21 e ben 57 di calibro 7,62, utilizzabili per il famigerato mitra Kalashnikov. L’arrestato è stato portato nel carcere catanese di Piazza Lanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento