Allarme carne colorata: ecco come riconoscere quella buona

Dopo l'allarme scattato a Palermo con la denuncia di 50 macellai che vendevano carni colorate, qual è la situazione a Catania? E la provenienza delle carni che mangiamo? Ecco come riconoscere una carne buona da quella adulterata

Se recentemente i tempi erano stati duri per un gruppo di macellai di Palermo, denunciati a causa di solfiti utilizzati per conservare la carne, qual è la situazione delle carni catanesi? Lo abbiamo chiesto ad alcuni macellai di Catania per comprendere meglio il rischio che si corre, la provenienza delle carni e qualche metodo - anche se non infallibile - per riconoscere una carne buona da quella adulterata.

Il signor Maisano, tra le carni servite, mostra il filetto bovino adulto e il lacerto coscia bovino con tanto di certificazione di provenienza. “Sono quasi tutte allevate in Francia, ma svezzate e macellate in Italia. Se il colore della carne è un rosa scuro vivo, significa che è naturale", conclude Maisano.

Il signor Pezzone Giuseppe che fornisce nel suo esercizio soprattutto vitellone, precisa che il 70% delle carni arriva dalla Francia, anche perché la carne italiana non basterebbe. “ La carne è trattata quando si utilizzano i conservanti, anche se per legge su 1kg si possono usare 3 g. di conservanti, come ad esempio nei preparati di tritato”, spiega il sig. Pezzone, avvertendo che non è facile riconoscere una carne trattata, se non dal gusto. E ancora sul taglio della carne, è necessario distinguere se è "di prima scelta" - grasso e osso in più- oppure " di seconda o terza scelta"- più adulta - visto che quella “buona” è costituita da vitelli dai 12 ai 18 mesi e dal bovino adulto dopo i 24 mesi.

Le carni servite, invece, dal signor Maugeri - pollo, maiale, vitello- provengono tutte dal Nord-Italia, in particolare dalla zona del veronese, dove vengono allevate e macellate. “Non è facile distinguere le carni. In linea generale, però, più grasso è l’animale, più buona è la carne. Il colore deve essere di un rosso non eccessivamente scuro”, puntualizza il macellaio, avvertendo i clienti di stare attenti a chi dice che le carni sono esclusivamente siciliane. E sulla questione conservanti il signor Maugeri sottolinea che, in pochi sanno, qual è il limite minimo stabilito per legge. ”Io l’ho saputo per caso da un dipendente ASL. E' una mancanza di informazione e, se succedono queste cose, la colpa non è solo dei macellai, perché molti di loro non ne sanno proprio nulla”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si scava nel mondo della droga per cercare il movente

  • Coronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza: cosa cambia adesso in Sicilia

  • Sangue in Corso Sicilia: accoltellato un uomo, residenti esasperati

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Incidente mortale a Trecastagni, perde la vita un minorenne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento