La polizia sequestra migliaia di botti illegali a Librino e San Cristoforo

Le vie ispezionate sono viale Moncada, via Galermo, via Ammiraglio Caracciolo, Piazza Risorgimento, Viale Mario Rapisardi, Corso Indipendenza, via Plebiscito

Gli agenti del commissariato di Librino hanno effettuato dei nuovi controlli straordinari, volti a contrastare l’illegalità diffusa nel quartiere di Librino, concentrando la propria attenzione in viale Moncada. 

Sono state denunciate 4 persone in stato di libertà, contestati 8 reati, effettuate 3 perquisizioni - di cui 2 domiciliari e 1 personale - ed eseguiti 3 sequestri penali. Inoltre è stata rinvenuta un’autovettura Ford Ka rubata, identificate molte persone e contestate sanzioni per detenzione e vendita illegale di migliaia di pezzi di materiale esplodente e fuochi d’artificio.

Particolare rilievo assume il controllo di due giovani ritenuti responsabili di detenzione e vendita illegale di fuochi pirotecnici, che detenevano anche le cosiddette “caramelle” artigianali. Trattandosi di manufatti creati abusivamente da soggetti non autorizzati e spesso non competenti, sono causa di gravi incidenti in occasione dei festeggiamenti di Capodanno.

Per tale motivi, entrambi i giovani sono stati denunciati in stato di libertà per il reato previsto dall’articolo 678 del codice penale, che punisce chi detiene o vende abusivamente materiale esplodente. Uno dei due giovani dovrà difendersi legalmente anche per aver venduto fuochi d’artificio di categoria F4 senza i requisiti previsti dalla legge.

Inoltre gli agenti del commissariato “San Cristoforo” hanno svolto due servizi di controllo nell’omonimo quartiere cittadino, con il sequestro di circa 7 chili lordi di “botti” di vario genere. Il materiale illegale sequestrato è stato posto a disposizione dell’autorità giudiziaria che ne disporrà quanto prima la distruzione.

Nel corso di mirati controlli volti a contrastare la vendita abusiva di artifizi pirotecnici, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato a carico di ignoti una ingente quantità di materiale esplodente posto in vendita su improvvisate bancarelle, posizionate in diversi punti della città. Le vie ispezionate sono: via Galermo, via Ammiraglio Caracciolo, Piazza Risorgimento, Viale Mario Rapisardi, Corso Indipendenza, via Plebiscito. I ben 6.552 pezzi sequestrati, per un peso complessivo di 60 chili, sono stati affidati a personale del Nucleo Artificieri che ne ha curato l'immediata distruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento