Carne colorata per farla sembrare fresca più a lungo: è allarme

A Palermo, cinquanta macellai sono stati denunciati per frode alimentare e detenzione di carne adulterata. Secondo i carabinieri del Nas e i sanitari dell'Istituto zooprofilattico di Palermo, i 50 macellai hanno utilizzato solfiti per conservare la merce

Ritorna l'allarme carne manipolata. A Palermo, infatti, cinquanta macellai sono stati denunciati per frode alimentare e detenzione di carne adulterata. Secondo i carabinieri del Nas e i sanitari dell'Istituto zooprofilattico di Palermo, i 50 macellai hanno utilizzato solfiti per conservare la merce.

Il colore di questa carne esposta nei banconi delle macellerie, è rosso forte anche dopo ore e ore di esposizione. Come riconoscerla? “Dovete chiedere e pretendere dal vostro commerciante di fiducia che vi garantisca l’assoluta bontà del prodotto – dicono gli investigatori – La carne rossa esposta nel pomeriggio è certamente trattata. Una volta macellata la costata o la trinca tendono naturalmente ad avere un colore più scuro. Se è ancora rossa dopo ore è certamente adulterata”.

L'allarme è scattato a Palermo, ma interessa anche la nostra città, già passata agli onori della cronaca con il caso della ragazza di 22 anni che il 7 febbraio del 2006 ha mangiato una polpetta adulterata da una concertazione altissima di solfiti ed è entrata in coma in seguito ad uno shock anafilattico.

Oggi, purtroppo, è in stato vegetativo permanente. Sara Di Natale, 22 anni, secondo i consulenti tecnici dell'università di Catania, ha ingerito carne con solfiti presenti in grande quantità: circa 10.700 mg/chilogrammo e cioè un valore oltre mille volte superiore alla soglia critica di 10 mg/chilogrammo che scatena la reazione allergica. Il caso si è chiuso con la condanna del macellaio. I genitori chiedono ancora giustizia.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento