rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Cronaca

Controlli sul green pass, dipendente comunale aveva falsificato le analisi

Si tratta del custode di un cimitero dell'area etnea, che ha esibito ai carabinieri una serie di referti analitici per tampone nasale rilasciati da laboratori clinici privati, con la data modificata "ad arte"

Continuano i controlli dei Carabinieri del Nas di Catania nell’ambito dell’emergenza sanitaria per il Covid-19. I militari sono impegnati in una serie di verifiche presso le strutture pubbliche e private per verificare se, effettivamente, tutti i lavoratori dipendenti e gli utenti si siano muniti di green pass. Questa volta nella lente del mirino sono finiti i dipendenti comunali del cimitero di un Comune dell’hinterland etneo. E’ stato accertato che proprio il custode cimiteriale era sprovvisto di regolare certificazione verde Covid-19 ed in sostituzione esibiva una serie di referti analitici per tampone nasale rilasciati da laboratori clinici privati. Ai carabinieri, però, non è sfuggito un particolare molto importante: la data di rilascio dei documenti sanitari era stata falsificata ed aggiornata al fine di renderli potenzialmente utilizzabili per ottenere il rilascio del green-pass, ovvero per dimostrare il possesso dei requisiti sanitari per poter accedere al luogo di lavoro. I falsi referti analitici sono stati sequestrati ed inviati all’autorità giudiziaria. E' stato invece denunciato il dipendente comunale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli sul green pass, dipendente comunale aveva falsificato le analisi

CataniaToday è in caricamento