Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

Una banda specializzata nello spaccio della droga e nei furti di carburante per ottenere denaro da 'investire' nella compravendita di sostanze stupefacenti per migliaia di euro, è stata scoperta dai carabinieri di Catania

Operazione antidroga dei carabinieri del comando provinciale di Catania, della compagnia di Acireale e del nucleo Cinofili di Nicolosi che hanno eseguito un'ordinanza cautelare, emessa dal Gip su richiesta della Procura etnea, nei confronti di 11 indagati. Militari dell'Arma hanno arrestato quattro persone e notificato ad altri sette un obbligo di dimora e di presentarsi alla polizia giudiziaria. I reati contestati, a vario titolo, sono spaccio di sostanze stupefacenti, furto aggravato, ricettazione e detenzione illegale di arma.

Le immagini dell'operazione - Video

Le indagini erano state avviate dopo che un anonimo aveva segnalato una fiorente attività di spaccio ad Aci Sant'Antonio e l'ubicazione di un deposito di droga in un garage dello stesso paese. Gli accertamenti hanno permesso di ricostruire la rete che gestiva 'piazze di spaccio' anche a San Giovanni La Punta e a Pedara. Il gruppo utilizzava un linguaggio criptico non soltanto per organizzare incontri con gli acquirenti, ma anche per pianificare mirati furti di carburante da rivendere per ottenere denaro contante per finanziare l'acquisto di sostanze stupefacenti. Di rilievo anche il ruolo esercitato dalle donne che, in concorso con i mariti o i fidanzati e in presenza di minorenni, concorrevano alla cessione della droga organizzando gli appuntamenti con gli acquirenti. Nell'inchiesta, denominata 'A Fossa', sono complessivamente 18 gli indagati, ai quali i carabinieri hanno, contestualmente all'esecuzione dell'ordinanza del Gip, notificato l'avviso di conclusione indagini

Su disposizione del gip sono finiti in carcere Antonio Barberino 34 anni, Salvatore Bonaccorso di 49, Angelo Sabino di 31 e Alfio Scammacca di 34. Il giudice ha disposto l'obbligo di dimora e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per Luca Andrea Cassiele Arena di 32, Lucia Caterina Brischetto di 25, Placido e Sergio Cannavo' di 46 e 47,Jessica Di Mauro di 30, Lorenzo Luca Musumeci di 37 e Sebastiano Saraceno di 45 (attualmente detenuto nel carcere di Enna). Sono accusati a vario titolo di di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti, furto aggravato, ricettazione e detenzione illegale di armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento