Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Ebola, peggiorano ancora le condizioni del medico catanese di Emergency

"Le condizioni generali del paziente sono lievemente peggiorate - si legge nell'ultimo bollettino medico- Permangono febbre elevata, profonda spossatezza e esantema cutaneo diffuso. Il paziente è facilmente contattabile, autosufficiente, risponde a tono alle domande"

Sta sempre male il medico catanese di Emergency contagiato dal virus Ebola e ricoverato all'istituto Spallanzani di Roma. La tensione è palpabile nella task force che sta cercando di curarlo, al punto che nessuno dei medici rilascia dichiarazioni. A "parlare" è solo il bollettino medico, il settimo dal ricovero dell'uomo, e le notizie non sono buone.

"Le condizioni generali del paziente sono lievemente peggiorate - si legge -. Permangono febbre elevata, profonda spossatezza e esantema cutaneo diffuso. Il paziente è facilmente contattabile, autosufficiente, risponde a tono alle domande".

Le speranze dei medici per ora sono riposte nella seconda infusione con il sangue di un paziente guarito, praticata ieri con una sacca arrivata dalla Germania e che si è aggiunta a quella già praticata con sangue proveniente dalla Spagna. Oltre alla trasfusione, che anche l'Oms considera tra i trattamenti più promettenti anche se non ancora testato su larga scala, la task force ha somministrato anche due farmaci sperimentali al paziente, anche questi ben tollerati.

Il medico siciliano, che è stato contagiato in Sierra Leone, è uno dei 22 pazienti con Ebola trattati fuori dall'Africa, in Europa e negli Usa. Fra questi, che in molti casi sono stati curati con plasma di persone guarite, si contano cinque morti, l'ultimo dei quali è Martin Salia, un medico statunitense contagiato in Sierra Leone e rimpatriato il 15 novembre scorso in Nebraska quando però le sue condizioni erano già molto gravi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ebola, peggiorano ancora le condizioni del medico catanese di Emergency
CataniaToday è in caricamento