Falsi permessi di soggiorno per migranti, i nomi degli arrestati

A scoprire il tutto è stata la Digos di Catania, che ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale etneo a carico di dieci indagati, di cui cinque cittadini extracomunitari

Avrebbero fornito documenti falsi per permettere la permanenza e il soggiorno di cittadini stranieri in Italia. A scoprire il tutto è stata la Digos di Catania, che ha eseguito una ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale etneo a carico di dieci indagati, di cui cinque cittadini extracomunitari.

Custodia cautelare in carcere per:

- Seck Abdourahmane Siley, detto "Mario" o "Cire" o "Berlusconi" classe 1968, senegalese regolare, capo-promotore dell'associazione;

- Sarr Cheikh, detto "Saro", classe 1965, senegalese irregolare, primo collaboratore di Seck;

- Michele Sampognaro, classe 1953, funzionario del comune di Catania, addetto al settore Anagrafe e ai cambi di residenza;

- Attilio Maria Riccardo Topazio, classe 1961, ispettore della polizia municipale del comune di Catania, addetto alla verifica delle residenze;

- Giuseppe Torre, classe 1964, ispettore della polizia municipale, addetto della verifica dell'idoneità dell'alloggio;

Sono sottoposti alla misura degli arresti domiciliari:

- Alessandro Faranda, classe 1975, falso datore di lavoro e coniuge fittizio di una cittadina dominicana per agevolarne il rilascio del permesso di soggiorno per motivi familiari;

- Kayum Hossain, classe 1981, bengalese regolare, autore delle contraffazioni materiali dei documenti;

- Lorenzo Russo, detto “il vecchio”, classe 1956, falso ospitante;

- Simranjit Singh, detto “Obama”,  classe 1989, indiano, falso ospitante;

- Sahada Sow, detto “Daouda”, classe 1980, senegalese, regolare, factotum dell’organizzazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento