Fine settimana difficile per la raccolta rifiuti, Cantarella: "Barra dritta, non cediamo agli incivili"

A seguito dell'ordinanza che, in alcune zone della città, impedisce il conferimento dei rifiuti il sabato sono sorti innumerevoli cumuli di rifiuti ripuliti dopo due giorni

Catania e la raccolta rifiuti. E' stato un altro fine settimana di passione per la città che in alcune zone sta tentando il percorso della raccolta differenziata, con le percentuali prima irrisorie adesso in crescita, ma in altre convive ancora con i cassonetti di prossimità e con il mancato adeguamento all'ordinanza del sindaco Pogliese che vieta il conferimento nella giornata di sabato.

Ecco cosa ne pensano i catanesi - Video

Infatti il primo cittadino, per contenere i costi del lavoro degli operai e la maggiorazione del trasporto domenicale in discarica, ha vietato il deposito dei rifiuti negli appositi cassonetti il sabato, con la conseguenza che la domenica non vengono svuotati.

Purtroppo, però, alcune zone cittadine si sono risvegliate sia domenica sia lunedì con i cassonetti invasi da un tappeto di rifiuti. Tra l'inciviltà e i cosiddetti "turisti" dell'immondizia che vengono a scaricare a Catania pur non essendo residenti gli scenari sono apparsi drammatici con cumuli di immondizia che sono spariti del tutto soltanto stamattina.

Molti utenti sui social hanno postato le foto delle "montagne" di rifiuti. Tra le zone più colpite dal fenomeno, tra le tante, via Sebastiano Catania, via Benedetto Croce, via degli Ulivi.

Già nel corso della recente conferenza dei capigruppo alla presenza del sindaco Pogliese gli esponenti consiliari hanno sottoposto il problema derivato dall'ordinanza. Il primo cittadino avrebbe chiesto di pensarci su e capire se ci sono margini per intervenire.

Dubbi, invece, non ne ha l'assessore all'ecologia Fabio Cantarella: "Teniamo la barra dritta e non arretriamo. Stiamo già incrementando i controlli e stiamo lavorando in sinergia con l'assessore Porto. La domenica ci sota circa il 40% in più e dobbiamo far capire che siamo in una città dove ognuno può fare quello che vuole gettando rifiuti senza criterio. Succede in molte altre città che ci sia un giorno in cui non si può conferire".

"Abbiamo trovato di tutto - ha proseguito l'assessore -, anche macchine fatte a pezzi tra i rifiuti. Venerdì spero di avere tutto pronto per le guardie ambientali e punteremo sui controlli. Inquinare è uno sfregio e gettare rifiuti ovunque è pure vandalismo e non possiamo accettarlo".

Cantarella cita anche la fontana di piazza teatro Massimo, divenuta anch'essa una pattumiera per i rifiuti e poi pulita dagli operatori della Dusty anche con l'ausilio di un retino.

Sul nuovo bando settennale pare che si stia andando avanti. Il progettista, dopo la stesura incrociata con un esponente dell'anac e la cabina di regia della prefettura, l'ha consegnato al comune in attesa dei passaggi burocratici successivi che saranno di competenza della ragioneria per trovare coperture e risorse.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento