Il contestatore di Salvini dalle mani "insanguinate" è un catanese

Il ministro degli interni ha postato sulla sua pagina facebook il video della contestazione del ragazzo

Con le mani insanguinate dinanzi al parlamento e ai palazzi del governo romani per manifestare contro le tanti morti in mare dei migranti e a difesa dei diritti della costituzione.  Così Andrea Maccarrone, di orgini catanesi, descrive la sua battaglia contro un "esecutivo che si pone sopra la costituzione, sottraendosi alla magistratura".

Bersaglio della contestazione il ministro degli interni Matteo Salvini e proprio nelle ultime ore il contestatore ha provato ad avvicinarsi al politico. Il "capitano", così come lo chiamiano i suoi fan su facebook, non ha perso tempo e ha postato il video della contestazione che è già arrivato ad oltre 700mila visualizzazioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento