L'incrocio "anarchico" di piazza Ignazio Roberto, in cantiere progetto da 800 mila euro

"Lavori che possono cominciare solo una volta trovati i fondi necessari" svela Giuseppe Zingale, il quale aggiunge "Intanto il cambio dei sensi di marcia e l'istallazione di una rotonda sono le soluzioni temporanee"

Sette le strade che si incrociano, con automobili che impazzano da tutte le direzioni senza alcuna regolamentazione. Questo lo scenario a cui quotidianamente si assiste in piazza Ignazio Roberto, spiazzale del quartiere Cibali, che è un vero e proprio "incrocio anarchico". Dopo il sopralluogo di due settimane fa, il presidente della quarta municipalità Emanuele Giacalone, il vice presidente Giuseppe Zingale e il consigliere Santo Arena, in concerto con i cittadini del territorio, chiedono urgenti interventi di manutenzione straordinaria per mettere in sicurezza l’area.

Una necessità che hanno ribadito, fanno sapere, anche al consulente del Sindaco l’ingegnere Condorelli ed al personale dell’ufficio lavori pubblici durante l’ultimo incontro. "Ancora incidenti, ancora piazza Ignazio Roberto in primo piano" denuncia Giuseppe Zingale che sottolinea la necessità di porre fine al continuo pericolo per l’incolumità di pedoni ed automobilisti che transitano in quest’area. "L’attuale segnaletica verticale ed orizzontale non serve assolutamente a nulla perché qui vige la legge del più forte" aggiunge il vicepresidente della quarta circoscrizione.

PROGETTO DA 800 MILA EURO. "Nello snodo, utilizzato da migliaia di macchine, con appena tre segnali di “stop” distanti tra loro decine di metri a regolare l’intero sistema viario è in atto un progetto da circa 800.000 euro. Lavori che possono cominciare solo una volta trovati i fondi necessari" svela Giuseppe Zingale.

SOLUZIONI IMMEDIATE. "Nel frattempo, con il presidente Emanuele Giacalone e il con il consigliere Santo Arena, - aggiunge infine - ci stiamo attivando per trovare soluzioni temporanee ma comunque efficaci ascoltando le segnalazioni e le richieste che ci pongono i cittadini. Il cambio dei sensi di marcia per cominciare e poi l’istallazione di una rotonda che possa servire a regolare il flusso veicolare. Una struttura in cemento con uno spazio di socializzazione al suo interno per i residenti delle palazzine circostanti. A questo vanno aggiunti i controlli delle forze dell’ordine che devono essere garantiti durante l’arco dell’intera giornata e non solo durante gli orari di entrata ed uscita da scuola"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento