Ordine dei medici, presentato ricorso contro il ministro Grillo

Continua il caos che avvolge, da mesi, l'Ordine dei medici di Catania. I consiglieri dimissionari avevano chiesto l'intervento del Ministro ma dopo il suo "silenzio" hanno deciso di presentare un ricorso al Tar

Continua il caos che avvolge, da mesi, l'Ordine dei medici di Catania. La remissione del mandato elettorale della maggioranza dei consiglieri avevano portato cinque professionisti dimissionari a chiedere l'intervento del ministro Giulia Grillo per valutare l'eventuale scioglimento dell'ente. Decisione da prendere entro 30 giorni dalla ricevimento dell'istanza (31 agosto 2018) ma che, allo stato attuale, non sarebbe mai arrivata. Per questo motivo i dottori Pennisi, Cosentino, Rizzo e Lo Gerfo hanno dato mandato ai loro legali per presentare un esposto contro il ministro Grillo. 

In particolar modo si chiede che il Tar competente accerti le responsabilità d'azione in merito al "silenzio del Ministro della Salute sull’istanza del 01 agosto 2018 di scioglimento del Consiglio direttivo e delle commissioni di albo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania".

"Come già descritto in fatto - continuano gli avvocati - si è verificata una riduzione dei componenti del Consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania a meno della metà, già dal 20 luglio 2018". "Ad oggi i componenti del Consiglio direttivo rimasti in carica sono i 6 controinteressati, su 17  mentre per quanto riguarda la commissione di albo dei Medici Chirurghi, cui spettano a titolo esemplificativo competenze disciplinari, vede ancora in carica solo 4 componenti, su 15". "Sono venute meno, con le dimissioni, anche le figure del Vicepresidente e del Segretario del Consiglio direttivo, cariche i cui compiti sono indispensabili ed insostituibili per il regolare funzionamento dell’Ordine".

Un numero non idoneo al proseguio delle attività, secondo i ricorrenti che chiedono ai magistrati amministrativi di certificare l'obbligo di intervento del Ministero, per "l’adozione delle più opportune misure cautelari, sub specie di ordine al Ministro della Salute di provvedere sull’istanza di scioglimento del Consiglio direttivo e delle commissioni di albo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della provincia di Catania, anche in quanto atto vincolato e comunque privo di margini di discrezionalità".

Come termine per l'adozione dell'atto, in fine, i ricorrenti chiedono che questo sia assegnato prima della "data fissata per la convocazione dell’Assemblea elettorale in prima convocazione (21-22-23 settembre 2018)".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento