Lotta ai parcheggiatori abusivi, emessi tre daspo urbani

Adesso avranno il divieto di accesso per un anno alle aree urbane in cui erano soliti svolgere la loro attività illecita e, in caso di inosservanza, saranno puniti con l'arresto

Continua senza tregua l’energica  azione di contrasto al tedioso fenomeno dei parcheggiatori abusivi promossa dal questore Mario Della Cioppa che ha emesso altri daspo urbani nei confronti di tre uomini: O.F. classe 57, V.G. classe 70 e G.S. classe 78.  Questi, nonostante fossero stati più volte sanzionati, continuavano imperterriti ad esercitare l’attività illecita nelle zone di Corso Sicilia, Largo Paisiello, piazza Montessori e nelle vie limitrofe.

In conseguenza del daspo parcheggiatori avranno il divieto di accesso per un anno alle aree urbane in cui erano soliti svolgere la loro attività e, in caso di inosservanza del provvedimento, saranno puniti con la pena dell’arresto fino ad un anno. Inoltre nella scorsa settimana infatti sono stati sanzionati ben 37 individui sorpresi ad esercitare l’attività di guardiamacchine nelle vie del centro storico, del litorale Playa e nelle zone dove più  si concentra il flusso di turisti e frequentatori della movida catanese. Un valido strumento messo a disposizione dei cittadini per la segnalazione dei luoghi in cui sono presenti i parcheggiatori abusivi è costituito dall’applicazione “YouPol”, attraverso la quale chiunque, in forma del tutto anonima, può dare il proprio prezioso contributo per il ripristino della legalità. Anche nei prossimi giorni verranno espletati specifici servizi volti a debellare questa piaga con l’emissione di ulteriori daspo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento