Raffaele Lombardo: arriva una nuova accusa, associazione mafiosa

La nuova accusa deriva dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Maurizio Avola, che ha parlato delle presunte frequentazioni tra i boss del clan Santapaola e Raffaele Lombardo

Nuovi guai per Raffaele Lombardo, arriva un’altra indagine della procura di Catania e l’accusa, in questo caso è più diretta e grave: “Associazione mafiosa”.

La nuova accusa deriva dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Maurizio Avola, che ha parlato delle presunte frequentazioni tra i boss del clan Santapaola e Raffaele Lombardo: quelle affermazioni sono confluite in una terza parte dell’inchiesta, diversa sia da quella per voto di scambio semplice (una vicenda sulla quale c’è un processo in corso) sia da quella per voto di scambio aggravato e concorso esterno (le accuse per le quali è arrivata l’imputazione coatta).

L’accusa di associazione mafiosa avviata l’8 giugno dell’anno scorso, fino al 29 marzo era ancora “pendente”. A dare atto della situazione del fascicolo per associazione mafiosa – come ha notato il portale “Sud” – è stato il gip Luigi Barone, che nell’ordinanza di imputazione coatta a carico dei fratelli Angelo e Raffaele Lombardo ha passato in rassegna la storia della complessa indagine sul governatore.

In altre parole l’8 giugno, al momento di tirare le somme sulle accuse da sostenere in giudizio, l’indagine avviata nel 2007 è stata spezzettata: per evitare di indebolire l’accusa, quindi, gli atti e le dichiarazioni non riscontrate di Avola sono finiti in questo terzo fascicolo.

I reati ipotizzati, in questa nuova accusa, stando a quel che scrive Barone, risalgono a un’epoca “anteriore e prossima all’1 gennaio 1993”. Un’accusa che però riguarda solo il presidente della Regione, non il fratello Angelo: anche per questa distinzione, nell’ordinanza di imputazione coatta, il gip Barone specifica a chiare lettere che “questi ultimi fatti non costituiscono oggetto del procedimento oggi in esame”.

L’interrogatorio di Maurizio Avola risale al 2006, ma i suoi effetti si sono protratti negli anni: proprio per effetto di quelle parole è nata l’inchiesta che nel 2011 ha portato l’allora reggente della procura di Catania Michelangelo Patané e il pubblico ministero Carmelo Zuccaro a citare direttamente a giudizio Angelo e Raffaele Lombardo per voto di scambio senza aggravante mafiosa. Secondo l’accusa di questo processo, la cui prossima udienza è fissata per il 27 aprile, i fratelli Lombardo avrebbero “determinato esponenti del clan Santapaola e Cappello al sostegno dell’Mpa”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Acqua: quando berla per dimagrire

  • Via Capo Passero, agguato a un 33enne gambizzato davanti casa

  • Operazione antimafia dei carabinieri, disarticolato il clan “Brunetto”: 46 arresti

  • Ritrovato al Maas lo squalo Mako: denunciato il commerciante

  • Picanello, scoperto deposito per il riciclaggio di auto rubate: 4 arresti

  • Duro colpo ai Brunetto: le dinamiche del clan tra estorsioni, minacce e pestaggi

Torna su
CataniaToday è in caricamento