San Gregorio, assaltato bancomat con “auto ariete”: rubati 60 mila euro

I malviventi hanno prima utilizzato una Fiat Tipo per sfondare la vetrata dello sportello e successivamente con l'aiuto di un camion con la gru hanno preso il dispositivo

Continuano le rapine nelle banche catanesi con la consolidata tecnica dell’auto-ariete. L’ultimo colpo è stato messo a segno la notte scorsa verso le 4.30 a San Gregorio, dove è stata presa di mira la filiale della Banca Popolare Siciliana.I banditi hanno portato via quasi 60 mila euro.

I malviventi hanno prima utilizzato una Fiat Tipo per sfondare la vetrata dello sportello bancomat e successivamente con l’aiuto di un camion con la gru hanno preso il dispositivo.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Gravina, ma i banditi si erano già dati alla fuga facendo perdere le loro tracce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Coronavirus: Musumeci avvia la linea del rigore ma con chiusure parziali

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento