Cronaca

Sfida "4 Ristoranti" a Catania: per Alessandro Borghese è "Km.0" la novità del territorio

A portarsi a casa il titolo di Miglior Ristorante Under 30 di Catania è statoproprio il KM.0 , il regno di Marco che del locale è chef e titolare

Alessandro Borghese ha chiuso la seconda stagione di "4 Ristoranti con una puntata "made in Catania" andata in onda ieri sera. La sfida è stata tra gli chef Under 30 all'ombra dell'Etna: un viaggio nella cucina del territorio condotto da giovani ristoratori catanesi. In gara gli chef del KM.0, La Buatta, L’Officina del Gusto e La Corte dei Biscari. A portarsi a casa il titolo di Miglior Ristorante Under 30 di Catania è statoproprio il KM.0 , il regno di Marco che del locale è chef e titolare. Per Alessandro Borghese è lui la novità del territorio premiandolo con ben 32 punti.

Conosciamo meglio il locale. Marco ha trasformato il luogo dove il nonno forgiava il metallo in una fucina di sapori. La base di partenza è una cucina che utilizza i prodotti del territorio (Km 0), ma questo è solo il punto di partenza per incursioni di prodotti di eccellenza dal mondo. La cucina è gourmet e il servizio da ristorante di livello. Il locale è piccolino, solo 25 posti, per questo motivo Marco vuole che per ogni commensale l’esperienza culinaria sia qualcosa di diverso e unico rispetto ad altri ristoranti di Catania. Dall’aspetto semplice e curato, la location è perfettamente in linea con la caratteristica peculiare del ristorante: ritornare ai sapori autentici della cucina siciliana, genuina nella sua semplicità.

Tra gli altri partecipanti chi si è distinta di più è stata Giorgia de "La Buatta" che si è, infatti, classificata al secondo posto. Come suggerisce lo stesso nome, questo locale è un raccoglitore di eccellenze del territorio siculo, cucinate con dedizione e con la giusta calma e abbinate a birre artigianali di altissima qualità. Vengono selezionati produttori che garantiscono qualità, rispetto del territorio e della tradizione. E questa cosa è molto piaciuta all'attento Borghese.

I due figli d'arte, Andrea de "L'Officina del gusto" e Lorena de "La Corte dei Biscari", invece, devono accontentarsi delle ultime due posizioni e di una buona dose di critiche. Dal conto "un po' salato" all'offerta culinaria. Andrea si è distinto per la voglia di trasmettere la sua passione per il cibo e "l'abbondanza" principalmente. Lorena, invece, per qualche errore in cucina e per 'aver evitato' il tavolo dei suoi sfidanti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfida "4 Ristoranti" a Catania: per Alessandro Borghese è "Km.0" la novità del territorio

CataniaToday è in caricamento