Tutti i numeri del crimine in provincia: diminuiscono furti e rapine ma aumenta senso di insicurezza

Il questore Francini ha commentato i dati del primo quadrimestre del 2019. Già 759 arresto e 1565 denunciati con 4430 furti commessi e 182 rapine

Prima della presentazione del nuovo capo della squadra mobile Marco Basile il questore di Catania ha illustrato i dati relativi ai crimini commessi nel primo quadrimestre del 2019. Dati che sono stati raffrontati con quelli relativi ai tre anni precedenti.

"Il successo della polizia - spiega il questore Francini - deve essere valutato in base al grado sicurezza percepita dai cittadini. So benissimo che a Catania, così come in tutte le città d'Italia, c'è un grado di insicurezza percepita diffuso, ma guardando i dati degli ultimi tre anni vi è una regressione di diversi reati. Le rapine e i furti sono scesi e gli episodi di violenza sessuale sono stati subito puniti".

Per quest'ultimo tipo di reato il questore fa riferimento al recento abuso sessuale che ha subito una ragazza americana. I tre presunti aguzzini sono stati subito individuati e assicurati alla giustizia.

In particolare a Catania e provincia i numeri degli omicidi è rimasto stabile: nel 2016 sono stati 11, nel 2017 e nel 2018 sono stati 10 l'anno e 3 sono stati già commessi nel primo quadrimestre del 2019.

Le rapine, invece, sono calate: si è passati dalle 820 del 2016, alle 641 del 2017 sino alle 581 del 2018. Nel 2019, sinora, ne sono state compiute 182. Anche per quanto concerne i furti vi è stato un netto abbassamento: nel 2016 erano stati 27571 e nel 2018 sono stati 15813. Nel 2019, per il primo quadrimestre, sono stati circa 4mila.

Per quanto riguarda i dati che riguardano esclusivamente la città di Catania i dati sono stabili per le rapine (396 nel 2016, 308 nel 2017, 325 nel 2018) e in lieve crescita per i furti (erano 10552 nel 2016 e nel 2018 sono stati 11077). Le violenze sessuali, visto l'incremento delle denunce da parte delle vittime che hanno acquisito una maggiore consapevolezza e fiducia nelle forze dell'ordine, sono state 7 nel 2016, 43 nel 2017 e 27 nel 2018.

A completare il quadro sono gli oltre 2mila arrestati o fermati nel 2018 e per questo primo quadrimestre sono 759. Il questore Francini è tornato a ripetere la necessità di una collaborazione a largo spettro: "Occorre una sinergia con il Comune, i comitati di cittadini, le associazioni di categoria. Se non c'è supporto della cittadinanza diventa tutto più difficile. Noi siamo ben attrezzati a contrastare il crimine ma ci sono fenomeni che tendono ad aumentare il senso di insicurezza come l'inciviltà diffusa, la mancanza di programmazione per gli eventi, il governo del fenomeno della movida".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo registrato delle prime risposte e una buona volontà di dialogo - ha concluso il questore - per cercare di risolvere questi problemi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento