Consorzio di bonifica 9 manda in tilt il traffico: bloccata via Vincenzo Giuffrida

"Siamo precari da 16 anni. Abbiamo cominciato con contratti della durata di 10 mesi. Poi con il succedersi dei vari amministratori, il contratto è stato portato a 199 giorni che abbiamo superato per 4 anni consecutivi". E' quanto dichiara uno dei dipendenti in protesta

Ph Salvo Giuffrida

Continua il blocco stradale organizzato dai lavoratori del Consorzio di bonifica 9. Ieri avevano mandato in tilt il traffico in via Gabriele D'Annunzio. Oggi, la protesta continua in via Vincenzo Giuffrida ( angolo via Gabriele D'Annunzio). Seduti per terra con le catene per attirare l'attenzione su una questione che "dura ormai da anni", come ci spiega Daniele Vintrici.

"Siamo precari da 16 anni - continua Vintrici - Abbiamo cominciato con contratti della durata di 10 mesi . Poi con il succedersi dei vari amministratori, il contratto è stato portato a 199 giorni che abbiamo superato per 4 anni consecutivi. La legge, infatti, prevede che dopo 3 anni il contratto debba diventare a tempo indeterminato. Ora protestiamo perchè abbiamo fatto 152 giornate lavorative e da tre mesi siamo senza stipendio. Per concludere, dal 29 settembre saremo licenziati". Gli operai attualmente hanno rimosso i blocchi stradali "ma il Consorzio continua ad essere occupato -spiega il sindacalista Daniele Vincitrici - e nessuno si recherà nei cantieri di lavoro della piana di Catania. Pare ci sia qualche apertura da parte dei vertici del Consorzio. In ogni caso rimarremo in allerta e nelle prossime ore non si escludono nuove azioni di protesta".

Oggi alle 15, lavoratori e rappresentanti sindacali sono stati ricevuti in Prefettura. Era stata comunicata la presenza dell'assessore regionale alle Risorse agricole, Ezechia Paolo Reale. Ma non è stato così. "Non è venuto- precisa Vintrici - La Regione e le istituzioni etnee sono assenti. Nonostante il Consorzio di bonifica 9 sia il primo in Sicilia e il secondo in Italia con 22 mila utenti e 2500 km di rete tubata, 140 persone con le relative famiglie sono a rischio. E non c'è esubero di personale".

I sindacati Flai Cgil, Fai Cisl e Filbi Uil, a sostegno dichiarano: "La protesta non è funzionale a rivendicare un maggior numero di giornate di lavoro ma a chiedere una svolta nella gestione del Consorzio, affinchè esso possa effettivamente essere al servizio dell'agricoltura catanese".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La polizia arresta il gestore della "Trattoria il Principe"

  • Con un elicottero avevano rubato la Biga di Morgantina nel cimitero di Catania: 17 arresti

  • Mafia: blitz antidroga della polizia contro il clan Arena a Librino

  • Aggredisce due minori e si scaglia contro la guardia giurata intervenuta, arrestato

  • Operazione antidroga a Picanello, 12 gli arrestati: tra gli spacciatori anche un minore

  • Biga Morgantina rubata dal cimitero di Catania, i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento