Economia

Economia, “Simulazioni e risk analysis" al centro dei seminari "Vite d'impresa"

Il rischio come elemento indispensabile per le scelte di imprenditori e dirigenti per progettare ed individuare mezzi per andare oltre la crisi. Sembra strano, ma per portare a termine un intero processo aziendale si deve “rischiare”, forse ancora più oggi in tempi di crisi economica

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Il rischio come elemento indispensabile per le scelte di imprenditori e dirigenti per progettare ed individuare mezzi per andare oltre la crisi. Sembra strano, ma per portare a termine un intero processo aziendale si deve “rischiare”, forse ancora più oggi in tempi di crisi economica.

Del processo completo di analisi e valutazione dei rischi, della stima degli stessi, ma anche di eventuali azioni per la riduzione dei pericoli della tolleranza massima di questi si è discusso oggi pomeriggio nella sede delle Cantine Nicosia di Trecastagni in occasione del seminario del ciclo “Vite d’impresa” incentrato appunto su “Simulazioni e Risk Analysis”.

“Cosa succederebbe se”, è infatti la domanda con cui si confronta ogni impresa nell’affrontare il tema dell’incertezza, intrinseco all’attività imprenditoriale (oltre che alla vita quotidiana, a ben vedere). Cosa succederebbe se vendessimo di meno, se vendessimo di più, se il costo delle materie prime si alzasse, se i tassi di interesse si modificassero. E se domani un temporale rovinasse un silos (e se un meteorite si abbattesse su tetto)? E se il direttore amministrativo si licenziasse?

Il workshop, l’ultimo di una serie di sette incontri organizzati dalla società di consulenza aziendale Centocinquanta, in collaborazione con Multifidi, allo scopo di offrire a imprenditori e dirigenti un’opportunità di approfondimento e crescita professionale attraverso lo scambio di esperienze, ha provato a rispondere a tutte queste domande. Un confronto, uno scambio di conoscenze e consapevolezze tra chi fa impresa in Sicilia in maniera dinamica e capace, per trovare anche un comune spirito collaborativo.

«Incertezza, rischio e rendimenti sono variabili certamente correlate; la vera sfida è il buon governo delle stesse, ovvero la conoscenza delle leggi, indisponibili, che le stesse regolano – ha evidenziato il presidente di CentoCinquanta  Mauro Juvara - Analisi del rischio e simulazioni su variabili endogene ed esogene sono quindi, oggi soprattutto in cui la variabilità è parecchio più sostenuta che in altri periodi, tools dal cui possesso nessun’azienda può prescindere e la cui conoscenza appare sempre più indispensabile».

“Vite d’impresa è stato pensato dai dirigenti  della società di consulenza Centocinquanta come un percorso per tutti gli imprenditori del territorio consapevoli che i tanti cambiamenti socio economici che negli ultimi anni hanno investito le loro aziende, possano essere superati anche con un confronto comune di esperienze pratiche. L’idea è stata anche quella di aiutare i dirigenti d’azienda a pianificare scelte e ad effettuare il miglior  business plan  per le loro aziende.

Gli incontri hanno permesso un dibattito interessante e moderno tra i rappresentati del sistema creditizio e gli imprenditori che in tal modo hanno approfondito, attraverso l’analisi dei dati, la conoscenza su strumenti finanziari e nel caso dell’incontro odierno “Simulazioni e Risk Analysis”, hanno anche permesso di stimare il rischio per un’azienda, di progettare il sistema più sicuro per  nuovi progetti, partendo proprio dal calcolo del rischio, che è quindi stato utilizzato come parametro di valutazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Economia, “Simulazioni e risk analysis" al centro dei seminari "Vite d'impresa"

CataniaToday è in caricamento