Ancora un caso di violenza sulle donne, nigeriano picchia l'ex con una spranga

Si era presentato a casa della ragazza con il preciso obiettivo di farle del male, non rassegnandosi alla fine della loro relazione

Un ennesimo caso di violenza sulle donne si è registrato ieri mattina a Catania. Un nigeriano di 27 anni ha aggredito la sua ex, una connazionale, non rassegnandosi alla fine della loro relazione interrotta da circa un mese.

L'aggressione a colpi di spranga

Poco prima dell’arrivo degli agenti che lo hanno arrestato, si era presentato a casa della ragazza con il preciso obiettivo di farle del male. Staccata un’asta in ferro del cancello d’ingresso dell’abitazione, si era introdotto attraverso una porta secondaria dentro l’appartamento colpendola al collo con una spranga e rubandole la borsa con il cellulare.

Riconosciuto grazie al cellulare rubato

La poveretta ha riportato una prognosi di sette giorni per “cervicalgia post trauma” ed ha sporto denuncia in questura contro il suo aggressore. Dopo una serie di accertamenti, è stato preso in via Luigi Sturzo, nonostante abbia inizialmente fornito false generalità per depistare gli agenti. Sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso del telefono cellulare rubato, che è stato poi riconsegnato. Il 27enne violento si trova ora a piazza Lanza di Catania in regime di "vita comune".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento