Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Enjoy via da Catania, l'Amt potrebbe lanciare il suo servizio di car sharing

Il presidente della municipalizzata Bellavia spiega come l'azienda si stia muovendo per mantenere un importante servizio per la mobilità etnea

La notizia dell'abbandono del servizio di car sharing di Eni, Enjoy, è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Costi elevati per la gestione e i troppi furti che avevano colpito le 500 rosse hanno portato l'azienda a dichiarare la sospensione del servizio. Dopo l'amarezza del sindaco Pogliese il comune si è messo all'opera per cercare una soluzione.

La soluzione si chiama Amt. Il presidente Giacomo Bellavia a Catania Today anticipa le strategie per far arrivare in città un servizio di car sharing che è già presente a Palermo e inserito in un circuito nazionale. Nei prossimi giorni Bellavia incontrerà i vertici dell'Amat di Palermo per fare il punto sul servizio e stilare una road map di avvio.

"Chiaramente abbiamo fatto di tutto - spiega Giacomo Bellavia - per far rimanere Enjoy a Catania. Abbiamo messo a disposizione i parcheggi scambiatori dell'Amt, ma non c'è stato nulla da fare. Si tratta, di certo, di un brutto colpo per l'immagine della città e siamo tutti amareggiati".

"Parlando con il sindaco - prosegue il presidente Amt - ho proposto l'alternativa che è già allo studio. Infatti l'Amat Palermo è inserita nel circuito nazionale "io guido" che prevede l'utilizzo di veicoli da noleggiare ad ore e per brevi periodi proprio come il servizio Enjoy, con un'app già disponibile. Nei prossimi giorni valuteremo e studieremo le modalità di sottoscrizione della convenzione per l'inserimento in questo circuito".

In dettaglio il servizio potrebbe prevedere anche il noleggio da un punto fisso, come per l'appunto i parcheggi scambiatori Amt, con la presenza e vigilanza degli operatori, oltre che il recupero dell'auto nelle varie zone della città attraverso un'app.

"Dopo le feste incontrerò i vertici Amat - prosegue Bellavia - e abbiamo constatato che a Palermo il servizio funziona anche in termini di ricavi. Servirà poi l'impegno di tutta l 'amministrazione per incentivare l'uso di questi veicoli, per allargare le zone pedonali e per il funzionamento delle ztl, aumentando così l'appetibilità del servizio".

I mezzi, nella dispobilità di Amt sarebbero frutto di un noleggio a lungo termine, e sarebbero poi gestiti dalla municipalizzata e da personale interno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Enjoy via da Catania, l'Amt potrebbe lanciare il suo servizio di car sharing

CataniaToday è in caricamento