Inchiesta Iblis, sequestrati beni per 13 milioni a esponente mafioso

Nel patrimonio che è stato sottratto a Rosario Di Dio, figurano 8 imprese, 49 immobili, 14 automezzi e 43 rapporti finanziari. Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale su richiesta della Dda

I carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Catania hanno sequestrato beni per 13 milioni di euro a Rosario Di Dio, di 55 anni, ritenuto esponente di spicco del clan mafioso di Ramacca. Di Dio è stato arrestato nell'ambito dell'operazione "Iblis" e il provvedimento rientra nell'ambito dell'inchiesta della Dda della Procura di Catania su Cosa nostra etnea, che è sfociata, finora, a sequestri per complessivi 58 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel patrimonio che gli è stato sottratto, figurano 8 imprese, 49 immobili, 14 automezzi e 43 rapporti finanziari. Il provvedimento, emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale su richiesta della Dda nasce da un approfondimento investigativo dal quale è emerso il ruolo centrale di Di Dio nelle dinamiche mafiose provinciali ed extraprovinciali, in stretto collegamento con i vertici di Cosa Nostra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mario Rapisardi, scontro tra un camion e un'auto: morta una donna

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento