Neonata morta, sono nove gli indagati dalla Procura: tra loro medici della clinica Gibiino

Ci sarà un incontro nella sede del Nas: carabinieri e ispettori confronteranno i primi dati raccolti. Il ministro, dopo la richiesta dell'assessore alla Salute Lucia Borsellino, ha disposto che alla riunione possano partecipare anche i funzionari della Regione Siciliana. Intanto il Comune si costituirà parte civile nel processo contro i responsabili

Sono nove gli indagati dalla Procura di Catania nell'ambito dell'inchiesta sulla morte della piccola Nicole. Secondo quanto si apprende dall'Ansa, tra loro medici della clinica Gibiino e personale Utin. Il reato ipotizzato è omicidio colposo.

Il sindaco di Catania Enzo Bianco chiederà alla Giunta che il Comune si costituisca parte civile nel processo contro i responsabili di quella che ha definito "una tragedia indegna di un Paese moderno", ossia la morte di una neonata per via di una serie di ritardi e dopo che a Catania non erano stati trovati posti in Unità di terapia intensiva prenatale.

Il Sindaco, che ha sentito i genitori della bimba e li incontrerà nei prossimi giorni, ha sottolineato l'importanza del fatto che "tutta la città chieda conto delle sue azioni a chi ha consentito che una neonata potesse morire a poche ore dalla nascita".

Per quanto riguarda l'inchiesta, oggi arriverà a Catania la task force che il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha inviato in Sicilia per chiarire tutti gli aspetti della morte della piccola Nicole. Alle 11, ci sarà un incontro nella sede del Nas: carabinieri e ispettori confronteranno i primi dati raccolti. Il ministro, dopo la richiesta dell'assessore alla Salute Lucia Borsellino, ha disposto che alla riunione possano partecipare anche i funzionari della Regione Siciliana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento