Cronaca

Pedopornografia, adesca bambino online: 30enne ai domiciliari

Il 13enne era stato adescato su una piattaforma di gioco e, con la promessa di incontro con una ragazza, era stato spinto a dialogare in chat su tematiche sessuali con richieste di immagini

A conclusione di un'indagine coordinata dalla procura di Catania e svolta dalla polizia postale, un trentenne residente in provincia di Roma è stato arrestato per detenzione di materiale pedopornografico. L’indagine è stata avviata a seguito della denuncia dei genitori di un tredicenne della provincia di Siracusa, adescato su Internet mediante l’uso di una consolle di gioco.

In particolare, i genitori della vittima si erano accorti controllando lo smartphone del ragazzino, di diverse chat dal contenuto erotico sessuale. Il bambino era stato adescato tramite una piattaforma di gioco e, con la promessa di incontro con una ragazza, era stato spinto  a dialogare in chat su tematiche sessuali con richieste di immagini.

Le immediate indagini hanno permesso in breve tempo l’identificazione dell’uomo nei confronti del quale la procura etnea ha emesso un decreto di perquisizione domiciliare e informatica, eseguita dalla polizia postale, nel corso della quale l’indagato è stato trovato in possesso di oltre mille video ritraenti minori e bambini di età anche infantile costretti a compiere atti sessuali con adulti. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedopornografia, adesca bambino online: 30enne ai domiciliari

CataniaToday è in caricamento